Tag Archives: frode

Rc Auto - Incidente - Risarcimento diretto Imc

L’IVASS fissa i limiti per il calcolo di incentivi e penalizzazioni nel sistema CARD

L’IVASS fissa i limiti per il calcolo di incentivi e penalizzazioni nel sistema CARD

Con l’approvazione del provvedimento n. 42 dello scorso 28 dicembre, l’IVASS ha completato l’attuazione della revisione regolamentare avviata nel 2014 allo scopo di rendere più efficiente il funzionamento del sistema di compensazioni previsto dalla Convenzione Risarcimento Diretto (c.d. CARD). Come segnala l’Istituto in un comunicato diffuso attraverso il proprio sito istituzionale, è stato introdotto un

Frode Assicurativa - Incidente Imc

Treviso: Truffa dei falsi incidenti, in 37 finiscono a processo

(Autore: Fabiana Pesci – la Tribuna di Treviso) Il giudice ha rinviato a giudizio la banda che ha organizzato oltre 500 finti scontri Si facevano tamponare da ignari automobilisti e poi chiedevano il risarcimento In un primo momento sembrava quasi che la sfortuna li perseguitasse. Fatalmente, ogni volta che si mettevano in auto, rimanevano vittime

Frode Imc

“Ti rompi la gamba a calcetto? La frode può cominciare”

(Autore: Grazia Longo – La Stampa) Un truffatore: “Così recuperiamo i soldi delle polizze” L’arte dell’arrangiarsi che travalica la legalità ha la fantasia napoletana di chi, come Pasquale – 28 anni, commerciante ambulante, una moglie e un figlio di tre mesi a carico – si crogiola nella massima «avimmo a tirare a campà, qualche cosa

Padova: Falsi incidenti in auto per truffare le assicurazioni: in 22 nei guai

La Finanza ha scoperto otto sinistri inventati tra il 2007 e il 2009 in città e a Vigodarzere, in ventidue rischiano di finire sotto processo. Le compagnie rivogliono gli indennizzi Era un’organizzazione specializzata nel reclutare le persone, organizzare finti incendi e istruire le pratiche infortunistiche per ottenere dalle compagnie assicurative il risarcimento del danno. In

Novi Ligure (AL): Truffa alle assicurazioni, in 61 rinviati a giudizio

I carabinieri di Novi hanno portato alla luce la frode, denominandola “Operazione Photoscape”. Secondo gli inquirenti, il titolare di una carrozzeria di Basaluzzo, avrebbe alterato l’entità dei danni sui veicoli protagonisti di incidenti stradali ritoccandone le foto, per ottenere così risarcimenti gonfiati La procura di Alessandria ha chiesto il rinvio a giudizio per 61 persone:

Pacchetto Rc auto: Servono periti bravi e autorevoli, ma intanto Fonsai-Unipol non li paga

Mentre stanno per entrare in vigore gli sconti obbligatori sulla Rc auto (Dl Destinazione Italia, che potrebbe essere pubblicato anche sulla “Gazzetta Ufficiale” di domani, si dice con novità importanti rispetto a quelle già note), arriva una conferma della fragilità del meccanismo su cui la norma si basa: il caso Fonsai-Unipol sta portando ritardi nel pagamento dei periti. E

Via-Com lancia Assipas, scatola nera made in Italy per le auto

Prodotto destinato a compagnie assicurazione auto Via-Com, società del Gruppo AC spa specializzata nel settore delle tecnologie di bordo automotive innovative, lancia Assipas, una rivoluzione nel mondo delle “black box“. Un prodotto destinato alle compagnie di Assicurazione Auto, che potranno così ridurre i casi di frode e offrire significativi sconti agli assicurati onesti, ma anche

Frodavano su assicurazioni e carte di credito, multa da 1,3 miliardi di sterline per le banche britanniche

Le banche britanniche tornano a pagare gli errori del passato: la Financial Conduct Authority (Fca) ha imposto risarcimenti per oltre 1,3 miliardi di sterline per avere venduto in modo fraudolento polizze assicurative contro il furto d’identità o le frodi sulle carte di credito. Tredici banche, tra cui Barclays, Santander, Royal Bank of Scotland, Morgan Stanley,

Massa Carrara: Esportavano auto di grossa cilindrata e poi ne denunciavano il furto all’assicurazione

Scoperta organizzazione dedita a questi traffici: tre indagati per frode assicurativa, simulazione di reato e favoreggiamento I carabinieri di Carrara hanno sgominato una banda che faceva arrivare in città auto di grossa cilindrata, che venivano trasferite al porto di Genova e per poi essere imbarcate prima verso la Spagna e successivamente esportate verso il Marocco. Le

Top