Tag Archives: morti

Auto - Incidente stradale Imc

Rapporto ACI-ISTAT 2017: aumentano le vittime, diminuiscono incidenti e feriti

Rapporto ACI-ISTAT 2017: aumentano le vittime, diminuiscono incidenti e feriti

I costi sociali collegati agli incidenti stradali sono pari a 19,3 miliardi di Euro, l’1,1% del PIL nazionale Secondo quanto emerge dai dati principali del nuovo Rapporto annuale ACI-ISTAT, gli incidenti stradali del 2017, pur se diminuiti in numero  (174.933 rispetto ai 175.791 dello scorso anno: – 0,5%), hanno registrato un aumento dei morti (3.378

Auto - Incidente stradale Imc

Rapporto ACI-ISTAT sugli incidenti stradali 2016: meno morti ma aumentano incidenti e feriti

Secondo quanto emerge dal Rapporto ACI-ISTAT sugli incidenti stradali nel 2016, diminuiscono i morti (-4,2%: 3.283 contro i 3.428 del 2015), ma aumentano gli incidenti (175.791, +0,7%), i feriti (249.175, +0,9%), e, soprattutto, i feriti gravi (oltre 17.000, il 9% in più rispetto ai 16.000 del 2015). Sale da 4,7 a 5,2 il rapporto feriti gravi/decessi, mentre i costi

Auto - Traffico (7) Imc

Sicurezza stradale, ANIA: «Massima attenzione nel week end da bollino nero»

«Ecco le regole da rispettare le regole per ridurre il numero degli incidenti sulle strade» «Rinunciare al cellulare mentre si guida, allacciare correttamente le cinture di sicurezza anche sui sedili posteriori, rispettare sempre i limiti di velocità, non bere prima di guidare e fare la manutenzione al veicolo prima di partire: sono queste le poche

Auto - Incidente stradale Imc

Rapporto ACI-ISTAT, nel 2014 battuta d’arresto nel calo delle vittime stradali

L’aumento del 5,4% dei morti in città compromette il dato nazionale (-0,6%) Battuta d’arresto nella riduzione delle vittime della strada in Italia, mentre rallenta, ma non si ferma, il calo degli incidenti e dei feriti. Come rileva l’ultimo Rapporto ACI-ISTAT, presentato ieri a Roma, nel 2014 rispetto al 2013 il numero dei morti sulle nostre

Auto - Incidente stradale Imc

Osservatorio il Centauro – ASAPS, nel 2014 registrati oltre 1.000 casi di pirateria stradale

Il fenomeno è in aumento: monitorati 1.009 episodi con 119 decessi e 1.224 feriti. Identificato il 57,8% dei pirati. Alcol e droga presenti nel 19,6% dei casi. 24,2% gli stranieri. 46 i pedoni uccisi e 416 feriti dai pirati. 141 episodi in Lombardia, 105 in Emilia Romagna, 94 Veneto e 92 nel Lazio Mentre gli

Auto - Incidente stradale (2) Imc

Rapporto ACI-ISTAT: Nel 2013 meno incidenti stradali e forte riduzione delle vittime

Vittime in calo (-9,8%, 368 in meno rispetto al 2012), soprattutto tra ciclisti (-14,0%) e motociclisti (-14,5%) Diminuiscono gli incidenti stradali in Italia, con una consistente riduzione del numero delle vittime che nel 2013 ha permesso di risparmiare 368 vite umane, quasi il 10% in meno rispetto al 2012, con risultati particolarmente rilevanti per alcune

ACI-ISTAT: nel 2013 diminuiscono incidenti (-2,2%), morti (-6,9%) e feriti (-2) sulle strade italiane

Nel 2013, sulla base di una stima preliminare ACI-ISTAT, si sono verificati in Italia 182.700 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti, entro il trentesimo giorno, è risultato pari a 3.400, mentre i feriti ammontano a 259.500. Rispetto al 2012 è stata quindi riscontrata una diminuzione del numero degli incidenti con lesioni a persone (-2,2%) e

GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, IN EUROPA STIMATI 10.000 MORTI L’ANNO

Secondo la Commissione europea l’alcol causa oltre un terzo dei morti sulle strade. I dati emersi in un convegno europeo organizzato da Fondazione ANIA e ETSC Ogni anno in Europa muoiono oltre 10mila persone in incidenti stradali causati da alcol e dalla guida in stato di ebbrezza, pari ad oltre un terzo dei 28mila morti

Strade killer: 3.700 morti e 260 mila feriti

Ogni anno un bollettino di guerra. Statale Adriatica, Aurelia, Pontina e Appia le più pericolose Più che un bilancio sugli incidenti assomiglia a un bollettino di guerra: 3.653 morti e 264.716 feriti. È quanto accaduto sulle strade italiane nel 2012 (dati Istat). Numeri che fanno ancora più impressione se si pensa che rispetto al 2011,

Top