Tag Archives: papello

Giulia Ligresti (3) Imc

Ascesa e caduta dei Ligresti, il diario di Giulia agli atti del processo

Ascesa e caduta dei Ligresti, il diario di Giulia agli atti del processo

(di Claudio Laugeri – La Stampa) In 37 pagine, la figlia del costruttore ed ex anima di Fonsai ricostruisce gli ultimi due anni della famiglia alla guida dell’azienda Stile asciutto, asettico, poco più di una cronologia, come la stessa autrice indica nel frontespizio. È il diario di Giulia Ligresti, dove la figlia del più noto

Fondiaria Sai - Brochure (2) Imc

Inchiesta Fonsai, il mistero del «papello». Nagel: richieste illecite dai Ligresti

(Autore: Luigi Ferrarella – Corriere della Sera) Le intercettazioni con Consob e le date dei pareri dell’avvocato Rossello Il capo delle relazioni istituzionali di Mediobanca, Stefano Vincenzi, intercettato (non come indagato ma come persona di interesse investigativo) per 4 mesi nel 2013/2014. E il segretario del patto di sindacato di Mediobanca, avvocato Cristina Rossello, in

Tribunale di Milano (4) Imc

Fonsai, chiusa l’inchiesta sul “papello”

(Fonte: la Repubblica) Il pm di Milano, Luigi Orsi, ha notificato l’atto di fine indagine relativa al “contratto” scritto a mano tra l’ad di Mediobanca e Salvatore Ligresti per la buona uscita della famiglia nella cessione di Fonsai a Unipol Il pm di Milano Luigi Orsi ha chiuso il filone di indagini su Fonsai nei

Inchiesta UnipolSai: L’ex Consob Pezzinga interviene sul «papello»

I dubbi sulla tempistica Il papello, quel foglio di carta bianco che riportava la lista dei desiderata della famiglia Ligresti come buonuscita da Premafin e dall’ex galassia Fondiaria Sai, siglato dall’amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, e da Salvatore Ligresti, venne scritto due giorni dopo che Consob stabilì i termini per l’esenzione di Unipol dall’Opa

Fonsai, il contrattacco dei Ligresti

Giulia, Jonella e Paolo esercitano il recesso da Premafin, puntano a 22 milioni. Anche Sinergia e Imco e i trust offshore riconducibili alla famiglia hanno chiesto di essere liquidati. Le richieste spedite a Unipol. Dubbi sulla compatibilità con l’esenzione dall’Opa concessa da Consob Seppure travolti dalle inchieste giudiziarie a Milano e a Torino e dichiarati falliti nelle holding di famiglia

Fonsai, pronta una class action contro i Ligresti

I risparmiatori vogliono costituirsi parte civile. L’ammontare della causa supera i 20 milioni. Nel mirino bilanci falsati, consulenze fittizie e benefit I nuovi guai per la famiglia Ligresti, e non solo per loro, stanno arrivando da una class action che un migliaio di risparmiatori, radunati sotto le bandiere del Si.ti, il sindacato di tutela investimenti,

«Ligresti, un affare di famiglia la gestione di Fondiaria-Sai»

La lettera di Maranghi del 2002: caro ingegnere, fatevi da parte. Nagel e Ghizzoni: solo con Peluso scoprimmo i buchi del gruppo Due manoscritti aprono e chiudono gli ultimi dieci, importanti, anni del legame tra Salvatore Ligresti e Mediobanca. Documenti entrambi storici, nonostante le forti differenze nella loro natura e nel significato. Il primo risale

Causa Fonsai, Ligresti si difende e accusa tutti

«La compagnia se la prende con noi, ruolo centrale di Mediobanca e Unicredit». Il giudice si riserva di decidere sul sequestro da 245 milioni Lo scontro al Tribunale civile di Milano tra nuova Fonsai controllata da Unipol e la famiglia Ligresti sul sequestro di 245 milioni dovrà attendere ancora per la decisione del giudice: il

La raccomandata di Ligresti a Nagel: “Rispettate i patti sulla buonuscita”

L’imprenditore siciliano invia la lettera (con ricevuta di ritorno) a Mediobanca. Prova così a dare ufficialità all’intesa segreta, il famoso “papello” di cui Repubblica ha mostrato una copia, sul suo addio. Nella missiva, l’ultimatum: “Intimo la esecuzione dell’accordo. Ha dieci giorni per trasmettermi il piano degli adempimenti” C’è un secondo “papello” nella corrispondenza segreta tra famiglia

Ecco l’accordo segreto tra i Ligresti e Mediobanca

Il “papello” di Jonella, firmato da Salvatore e Nagel: garantiti soldi, uffici e vacanze. Nero su bianco le richieste di benefit: uffici, autisti e segreterie attuali. Uso foresteria a Roma e Milano, cinque anni di affitto al Tanka. I compensi: assicurati 45 milioni per il 30% di Premafin. Ai quattro 700 mila euro a testa

Top