UEA e Associazione Agenti Allianz insieme “per rendere gli agenti compliant con la IDD”

assicurazione-amministratori-sindaci-do-imc

assicurazione-amministratori-sindaci-do-imc

Dopo mesi di lavoro congiunto, l’Unione Europea Assicuratori (UEA) e l’Associazione Agenti Allianz (AAA) hanno annunciato di aver messo a punto il corpus di documenti necessario per consentire agli Agenti di operare all’interno del nuovo quadro normativo.

A partire da oggi, lunedì 1° ottobre, lo scenario che regola l’intermediazione professionale muta infatti in conseguenza dell’entrata in vigore delle prescrizioni previste dalle norme collegate alla Direttiva UE 97/2016 sulla distribuzione assicurativa (IDD), alle Linee Guida EIOPA in materia di governo e controllo del prodotto del 18 marzo 2016, al Regolamento delegato UE n. 2358 del 21 settembre 2017 sui requisiti in materia di governo e controllo del prodotto per le imprese di assicurazione e i distributori di prodotti assicurativi, al decreto legislativo n. 68 del 21 maggio 2018 (di attuazione della direttiva 97/2016 e in riforma del decreto legislativo 209/2005 – Codice delle assicurazioni private) ed al Regolamento IVASS n. 40 del 2 agosto 2018.

Questo corpus introduce molteplici novità, spiegano da UEA e AAA, prevalentemente incentrate intorno alla disciplina del «governo e controllo del prodotto» (POG, dall’inglese Product Oversight and Governance). Questo istituto riguarda in primis le compagnie, responsabili della progettazione delle polizze e della loro rispondenza al target market individuato, ma prescrive anche al distributore, in coerenza con la POG del produttore, di farsi parte attiva nel corretto collocamento dei prodotti.

Questo significa – evidenziano UEA e AAA – che gli agenti, per continuare ad intermediare prodotti assicurativi, “dovranno dotare le loro agenzie di un sistema organizzato, che declini la strategia distributiva e la struttura di gestione dei meccanismi di distribuzione, formalizzate e condivise con tutti i collaboratori, ed una policy che disciplini in maniera chiara e formale il conflitto di interesse”. È inoltre richiesta l’implementazione di un sistema organizzato che assicuri il monitoraggio dei prodotti già venduti, “per verificare che siano ancora la soluzione ottimale per rispondere ai bisogni, potenzialmente mutati, dell’assicurato”.

L’Agenzia ha anche l’obbligo “di informare prontamente la compagnia che ha costruito il prodotto di ogni pregiudizio alla commercializzazione dello stesso e di fornire all’Autorità di Vigilanza, qualora ne faccia richiesta, la documentazione comprovante la condotta compliant alle nuove fonti legislative”.

Per assolvere a questi obblighi, UEA e AAA ritengono quindi indispensabile dotare le agenzie di un Modello Organizzativo – elaborato con il supporto tecnico-giuridico dello Studio Floreani e con il supporto informatico-gestionale dello Studio Beltrami – di cui sarà fornita, ai rispettivi associati, una versione “master” da personalizzare.

Intermedia Channel

Related posts

*

Top