UNAPASS RISPONDE AL GALA SULL’ACCORDO GENIALLOYD

Gala logo

Unapass risponde al G.A.L.A. in merito all’accordo di intermediazione assicurativa che Genialloyd propone ad intermediari iscritti in sezione A, evidenziando come tale scrittura privata costituisca un’anomalia che prevede l’assenza totale di alcuna rappresentanza nello svolgimento dell’ attività.

L’impresa, cioè, ritiene di conferire un incarico con una modalità “diversa” riferendosi specificatamente al proprio know-how nella gestione diretta e centralizzata della relazione con la propria clientela in tutte le fasi del rapporto. Il tentativo di non applicare l’ANA 2003 ed il codice civile appare evidente con il rimando alla pratica del franchising.

Unapass ritiene che le imprese debbano attenersi alle regole stabilite dall’ANA 2003, ovvero del 1951, in virtù della Legge Vigorelli nonché del Codice Civile, segnalando che la sottoscrizione di tale accordo compromette i principi ispiratori degli istituti contrattuali nel rapporto imprese/agenti, in quanto andrebbe a configurare una figura diversa da quella dell’agente di assicurazione.

Da ultimo, la sottoscrizione dell’accordo sarebbe incompatibile con l’appartenenza ad un sindacato di categoria o di un gruppo agenti, in quanto incompatibile con le norme etiche o deontologiche previste previste dai rispettivi Statuti.

Consulta e scarica il documento Unapass di risposta al GALA

Intermedia Channel

Related posts

Top