UnipolSai Roadshow 2017, i Gruppi Agenti: “Buone intenzioni ma risultati non definitivi”

Lettera aperta (3) Imc

Lettera aperta (3) Imc

Parte oggi il Roadshow della compagnia. Azioni ed obiettivi realizzati e futuri. Confronto costruttivo e sinergico ma malgrado le intenzioni i risultati non sono definitivi. Su alcune posizioni Azienda e Gruppi sono molto distanti. Nessuna intesa stabile raggiunta

Parte oggi, giovedì 26 gennaio, il Roadshow 2017 di UnipolSai, che sottolinea in modo particolare “l’importanza di un percorso di crescita e innovazione da realizzare insieme, Agenti e Compagnia”. Alla rete verrà presentato quanto fatto in questi mesi, nonché le azioni e gli obiettivi futuri.

Buona parte di quanto viene presentato è frutto di un confronto costruttivo e di un lavoro sinergico che l’azienda e le rappresentanze hanno portato avanti, a livello politico nel confronto con le presidenze – anche sul piano industriale – e a livello tecnico nelle varie Commissioni.

Malgrado le buone intenzioni e l’impegno delle Parti i risultati, però, si legge in un comunicato stampa congiunto (che alleghiamo in calce all’articolo) delle rappresentanze degli Agenti della galassia Unipol, “non possono al momento considerarsi definitivi, visto che taluni determinanti Accordi debbono ancora essere affrontati (“multicanalità integrata”) e su altri le posizioni sono ancora molto distanti: è il caso del “nuovo Patto”, oltre a quanto inerente alla “competitività e sostenibilità del business dell’Impresa Agenzia”. Per il “Progetto di vendita in mobilità” non si è al momento raggiunto un accordo politico”.

Tra i nodi al pettine attualmente figurano anche la migrazione del prodotto auto che “così come prospettata nell’ ultimo incontro di Commissione – prosegue il comunicato – non può essere accettata, nell’ interesse sistemico” e l’Accordo dati che seppur condiviso per principi e linee guida, deve essere ancora sottoscritto. Pertanto “è importante ritenere che in questo momento nessuna intesa stabile è stata raggiunta. Nemmeno per gli Istituti economici scaduti al 31 dicembre 2016”.

“Anche sul piano della Relazione – sottolineano inoltre i Gruppi Agenti – si ritiene indispensabile evitare gravi errori, quale quello commesso con il rilascio del “front end auto” senza aver ottemperato ad un ulteriore confronto con la commissione tecnica”. Il comunicato si conclude con due considerazioni: dapprima con un richiamo ai concetti ispiratori del Patto, secondo i quali “il Patto UnipolSai esclude per principio l’ipotesi che la compagnia possa seguire strade autonome senza la necessaria condivisione con le rappresentanze agenziali, sia in relazione alla parte strategica che a quella operativa. I Gruppi Agenti informeranno gli Associati nel momento in cui i nuovi progetti promossi dalla Compagnia saranno totalmente condivisi”; successivamente con una dichiarazione ed una amara osservazione sul clima della Rete nel territorio: “Le Rappresentanze degli Agenti UnipolSai credono ancora nei valori fondanti del Patto e di una Relazione Industriale vincente sul mercato, auspicando un approccio e un atteggiamento più coerente da talune Direzioni dell’Azienda. La situazione di crescente difficoltà e insoddisfazione delle Agenzie non consente dilazioni; al contrario sono necessari immediati e tangibili riscontri che infondano fiducia e desiderio di continuare ad investire in un progetto che si possa definire veramente condiviso”.

Intermedia Channel


Roadshow UnipolSai 2017 – Comunicato congiunto AAU, GASAI, GAAU, IUS Associati, GAL, MAGAP, GALF

Related posts

Top