UNIQA, indicazioni positive dalla semestrale 2017

Andreas Brandstetter (3) Imc

Andreas Brandstetter (3) Imc

Il gruppo assicurativo austriaco conferma gli obiettivi di fine esercizio, nonostante la flessione dell’utile netto (-54,3% a 41,3 milioni di Euro) legata a vicende relative alla cessione delle attività italiane (la liquidazione coatta di Veneto Banca). Andamento positivo per utile ante imposte (+10,2% a 95,5 milioni) e premi lordi contabilizzati (+6,6% a 2,8 miliardi). In marginale miglioramento anche il combined ratio (-0,3 p.p. a 96,8%)

Indicazioni positive e obiettivi di fine esercizio confermati per il gruppo assicurativo austriaco UNIQA, che questa mattina ha presentato i risultati del primo semestre 2017. La flessione dell’utile netto (-54,3% a 41,3 milioni di Euro) – collegata anche a vicende relative alla cessione delle attività italiane (la liquidazione coatta di Veneto Banca ed il conseguente venir meno di una serie di garanzie contrattuali fino a 40 milioni) – si è mantenuta entro le previsioni, mentre l’utile ante imposte ha registrato un rialzo del 10,2% a 95,5 milioni.

Segno più anche per il volume dei premi lordi contabilizzati, cresciuti del 6,6% a 2,8 miliardi grazie al buon andamento di tutti i settori di attività: il segmento Salute ha segnato un aumento del 3,4% a 522,5 milioni di Euro, i rami Vita sono saliti del 9,1% a 834,4 milioni ed il comparto Danni si è incrementato del 6,4% a 1,44 miliardi. I tassi di crescita si sono concentrati soprattutto nella raccolta ottenuta sui mercati internazionali (+23,2% a 837,1 milioni), mentre i volumi del mercato domestico sono saliti marginalmente (+0,3% a 1,93 miliardi).

Rispetto alla semestrale 2016, sono saliti sia i costi operativi (+2,4% a 645,7 milioni di Euro) sia i costi di acquisizione (+1,7% a 443 milioni). In incremento anche gli altri costi operativi (spese amministrative), cresciuti del 3,8% a 202,7 milioni a seguito delle azioni implementate – e di competenza dell’esercizio 2017 – con il programma strategico di investimenti ed innovazione avviato nel 2016. Il rapporto costi di Gruppo è tuttavia sceso di 1,3 punti percentuali al 25%, contribuendo al lieve miglioramento del combined ratio (-0,3 p.p. a 96,8%).

Andreas Brandstetter (nella foto), CEO di UNIQA Insurance Group, ha mostrato moderata soddisfazione per i risultati ottenuti, sottolineando la positiva evoluzione del volume premi, del rapporto costi e del combined ratio. Nonostante le citate vicende collegate a Veneto Banca ed il prossimo impatto sui conti relativo ai fenomeni catastrofali naturali di questa estate, Brandstetter ha anche affermato come il Gruppo si attenda un lieve miglioramento – rispetto al 2016 – dell’utile ante imposte di fine esercizio ed intenda aumentare il dividendo in distribuzione.

Intermedia Channel


UNIQA Insurance Group – Presentazione risultati al primo semestre 2017 (in inglese)

Related posts

*

Top