Vienna Insurance Group, utili contrastati nel primo semestre 2017

Elisabeth Stadler (Foto Ian Ehm - Vienna Insurance Group) Imc

Elisabeth Stadler (Foto Ian Ehm - Vienna Insurance Group) Imc

Indicazioni complessivamente positive dal periodo intermedio per il gruppo assicurativo austriaco. Solo l’utile netto segna il passo (-4% a 146,6 milioni di Euro) e si osservano miglioramenti per premi lordi contabilizzati (+0,9% a 4,97 miliardi), utile ante imposte (+9,6% a 220,5 milioni), combined ratio (-1 p.p. a 96,9%) e coefficiente di solvibilità (+30 punti percentuali a 224,5%)

Risultati semestrali complessivamente solidi per Vienna Insurance Group, che questa mattina ha presentato i dati del periodo intermedio. L’utile netto ha segnato il passo, scendendo del 4% a 146,6 milioni di Euro, mentre tutti gli altri indicatori principali hanno mostrato miglioramenti. Il volume di premi lordi contabilizzati è salito dello 0,9% a 4,97 miliardi, nonostante la flessione registrata sul mercato interno (-4,3% a 2,17 miliardi) e nelle soluzioni Vita a premio unico (-24,4%). L’utile ante imposte è cresciuto del 9,6% a 220,5 milioni di Euro.

Positivi anche i segnali riguardanti la redditività tecnica Danni – il combined ratio è sceso di un punto percentuale a 96,9% – e la solidità patrimoniale, con il coefficiente di solvibilità in progresso di 30 punti percentuali rispetto a fine 2016 (da 194,5% a 224,5%).

“I miglioramenti rispetto al primo semestre 2016 dimostrano il nostro continuo impegno nell’essere partner stabili ed affidabili per i nostri stakeholder – ha dichiarato Elisabeth Stadler (nella foto, di Ian Ehm – Vienna Insurance Group), CEO di Vienna Insurance Group –. Stiamo proseguendo ad operare con efficienza ed in coerenza con quanto programmato nel piano ‘Agenda 2020’, registrando progressi significativi soprattutto nel segmento Assistenza”.

Intermedia Channel


Vienna Insurance Group – Presentazione risultati al primo semestre 2017 (in inglese)

Related posts

Top