Voci dalla Rete: Lettera a Matteo Renzi sulla Rc Auto

Matteo Renzi Imc

Matteo Renzi Imc

Quella che segue non è la prima lettera aperta che Vincenzo Ferrante – Consigliere e responsabile Nuove tecnologie, Mobilità, Trasporti e Comunicazione di Konsumer Italia – rivolge alle più alte istituzioni del nostro Paese. Già nel 2013 (all’allora presidente del Consiglio Enrico Letta) e nel 2014 (a Matteo Renzi) avevamo pubblicato i suoi appelli perché venissero affrontate una serie di tematiche relative alla questione Rc Auto. In questa nuova lettera all’attuale inquilino di Palazzo Chigi, Ferrante affronta la questione dell’emendamento al Ddl Concorrenza – presentato in commissione Industria al Senato – che sopprime l’articolo 7 del provvedimento (già approvato alla Camera) che regolava gli sconti in ambito di Rc Auto per i cittadini virtuosi ovunque risiedano

Enzo Ferrante – Lettera a Matteo Renzi sulla Rc Auto 

Caro Matteo,

in queste ore si sta discutendo un emendamento presentato dai relatori di maggioranza, che sopprime l’art.7 del DDL Concorrenza, che regolava gli sconti in ambito di Rc Auto per i cittadini virtuosi ovunque risiedano. L’articolo in oggetto disciplinava in maniera chiara come premiare i cittadini che non avessero provocato incidenti, premiandoli con degli sconti che, di fatto, eliminavano le differenze tariffarie basate sulla residenza. L’emendamento presentato ha un difetto enorme: non definisce cosa siano gli “sconti sostanziosi”.

Benissimo che si sia scesi da cinque a quattro anni nella definizione di chi beneficia del trattamento di favore. Ottimo il carattere provinciale e non più regionale dell’ambito di analisi, ed anche lo strumento delle classifiche delle province con più sinistri e con tariffe più elevate, risulta essere efficace. Altrettanto positivo l’aumento delle multe per le imprese che non rispetteranno le norme. Ma tutto viene annientato dal fatto che si faccia riferimento a degli “sconti sostanziosi” senza definirne l’ammontare. Così la norma diventa inapplicabile: chi definisce cosa voglia dire sconto sostanzioso? Occorre scrivere che chi rientra in questo profilo (cittadino residente nelle province con maggiore sinistrosità e con premi più elevati, che non abbia fatto sinistri negli ultimi quattro anni ed abbia montato una scatola nera) deve avere uno sconto che gli porti il premio allo stesso livello delle province meno care o ad un premio medio da usare come parametro di riferimento.

Lasciare indefiniti gli sconti non serve a nulla. Poche parole e la norma ha un senso, altrimenti è semplicemente inapplicabile.

Caro Matteo, al Sud, l’articolo 7 avrebbe finalmente sanato una ferita aperta: la fine delle discriminazioni assicurative. Una norma che, nelle tasche dei cittadini, sarebbe valsa anche di più rispetto all’abolizione dell’Imu.

Hai promesso di dare una svolta all’azione del tuo governo nei confronti del mezzogiorno, bene, questa è una grande occasione. La Rc Auto così iniqua penalizza interi territori senza nessuna ragione logica. Spero che su tuo impulso l’emendamento possa essere modificato o, semplicemente, accantonato, riportando il tutto all’articolo 7 già approvato alla Camera con una maggioranza schiacciante.

Un saluto.

Enzo Ferrante


Intermedia Channel

Related posts

Top