Zurich Insurance Group, performance positiva nel primo semestre 2018

Mario Greco (13) Imc

Mario Greco (13) Imc

I risultati del gruppo assicurativo elvetico superano le attese medie degli analisti: utile operativo in crescita del 12% a 2,4 miliardi di dollari e utile netto attribuibile agli azionisti in aumento del 19% a 1,8 miliardi di dollari. Combined ratio in miglioramento di due punti percentuali a 97,5%. Il Gruppo è ben posizionato per raggiungere gli obiettivi finanziari 2017-2019

Andamento positivo nel primo semestre 2018 per Zurich Insurance Group, che questa mattina ha presentato i risultati del periodo intermedio

L’utile operativo è salito del 12% a 2,4 miliardi di dollari, beneficiando dei miglioramenti in sede di sottoscrizione e dal contenimento delle spese nel comparto Danni, unitamente all’incremento dei portafogli registrato nel segmento Vita. Il tasso di crescita anno su anno (superiore alle attese medie degli analisti) è stato inoltre influenzato positivamente da effetti valutari. Oltre le aspettative degli analisti anche l’utile netto attribuibile agli azionisti: +19% a 1,8 miliardi. Il Gruppo rimane ben posizionato per raggiungere gli obiettivi finanziari 2017-2019: tra gli altri, alla fine del primo semestre 2018 sono stati conseguiti risparmi per 900 milioni di dollari, a fronte di un obiettivo finale di 1,5 miliardi.

“Sono estremamente soddisfatto dei nostri continui progressi – ha commentato il CEO Mario Greco (nella foto). Le nostre attività stanno dimostrando una grande capacità di recupero e la redditività continua a migliorare, nonostante le difficili condizioni del mercato. A metà del nostro piano triennale siamo sulla buona strada per raggiungere tutti gli obiettivi indicati entro la fine del 2019. E stiamo procedendo rapidamente nell’attuazione del piano strategico lanciata a novembre 2016”.

Per quanto riguarda i risultati delle principali divisioni, l’utile operativo semestrale del comparto Danni è aumentato dell’11% a 1,1 miliardi di dollari. Gli incrementi nell’area EMEA ed in Nord America sono stati solo parzialmente compensati dalla contrazione registrata in America Latina ed Asia Pacifico, mercati che scontano tuttavia il venir meno di effetti una-tantum favorevoli che avevano influenzato i primi sei mesi del 2017. Il rafforzamento della performance nel primo semestre dell’anno riflette, come anticipato in apertura di articolo, una migliore performance in sede di sottoscrizione, con il combined ratio in miglioramento di due punti percentuali a 97,5%. I ricavi sono rimasti pressoché stabili (a 18,5 miliardi di dollari) rispetto all’anno scorso. In tutte le regioni in cui il Gruppo è presente l’attenzione è stata rivolta maggiormente alla redditività rispetto ai volumi.

Indicatori positivi anche per il comparto Vita, che ha chiuso i primi sei mesi dell’esercizio con un utile operativo di 760 milioni di dollari, in progresso del 12% rispetto allo stesso periodo del 2017. La continua crescita dei portafogli, assieme al contenimento delle spese, è stata la chiave degli incrementi registrati nelle diverse aree regionali (soprattutto EMEA ed America Latina). I ricavi sono cresciuti del 6% a quasi 17 miliardi di dollari, con la regione EMEA che ha segnato le performance migliori, grazie al traino dei risultati di Svizzera, Spagna ed Italia. La nuova produzione Vita in termini APE è salita dell’11% a 2,29 miliardi di dollari. In miglioramento anche il valore della nuova produzione (+2% a 522 milioni di dollari), mentre il margine è sceso di 2,7 p.p. a 26,4%.

Buone indicazioni, infine, dalla divisione Farmers: +2% per l’utile operativo a 808 milioni di dollari, con il combined ratio di Farmers Re in netto miglioramento (-6,8 punti percentuali a 96,3%). Stabili ad oltre 1,44 miliardi di dollari ricavi e commissioni di Farmers Management Services, mentre registrano  crescita i premi lordi contabilizzati di Farmers Exchanges: +3% a 10,33 miliardi.

Intermedia Channel


Zurich Insurance Group – Presentazione risultati al primo semestre 2018 (in inglese)

Related posts

Top