Opinione della Settimana

Assicurazioni: Federconsumatori Campania, Rc Auto penalizza i cittadini

C’é un’enorme confusione: i dati parlano di truffe sui colpi di frusta pari al 10 percento del totale dei sinistri a Napoli. E i dati forniti dall’attuale membro dell’esecutivo Catricalà, che da presidente dell’Antitrust scriveva di cifre che si attestavano sul 2 per cento e poco più?

Il presidente di Federconsumatori Campania, Rosario Stornaiuolo (nella foto), torna sulla vicenda del caro RCA per difendere i consumatori-automobilisti onesti, dopo le recenti dichiarazioni sullo stato delle assicurazioni per auto e ciclomotori a Napoli. “Sottoscrivere un’assicurazione Rc auto al Sud, e in particolare a Napoli, – dice ancora Stornaiuolo – continua a costare, a parità di condizioni, anche il triplo rispetto al Nord. Una situazione senza di alternative a causa del ‘cartello’ creato dalle compagnie assicuratrici, e non dai falsi incidenti, che come scritto dal sottosegretario Catricalà quando era presidente dell’Antitrust, supera di poco il 2% dell’intero numero di sinistri“.

Siamo a favore di ogni controllo – ribadisce – che confermerà quanto sappiamo da tempo, ossia che le truffe assicurative a Napoli pesano, per numero e gravità, come quelle di Milano. A questo punto ben vengano le scatole nere, ben venga ogni provvedimento per sfatare questo falso mito“.

Federconsumatori lancia la proposta di un arbitro imparziale che certifichi i danni subiti dall’automobilista: “Per debellare questo male si potrebbe istituire una figura terza, un supervisore che certifichi realmente i danni subiti dall’automobilista. Questo permetterebbe di abbassare di molto la quota falsi ‘incidenti’ che comunque incide sul costo dell’Rc auto“.

Da tempo con il movimento Mò Bast – continua Stornaiuolo – stiamo combattendo queste discriminazioni territoriali che nulla hanno a che fare con le truffe, che sono state comodo pretesto per permettere alle compagnie di agire contro ogni forma di tutela prevista per il consumatore. Sia ben chiaro: siamo favorevoli a tutti gli attacchi ai furbetti e ai truffatori di mestiere. Ma occorre smantellare questa cricca che fa lievitare il costo dell’assicurazione auto su tutti gli automobilisti, compresi i campani e napoletani onesti“.

Federconsumatori nel mese di dicembre ha discusso a Bruxelles la petizione contro il caro Rc auto partendo dal presupposto che si stia violando il principio, sancito dall’Unione Europea, di non discriminazione territoriale.

Oramai – afferma – nessuno crede più alla favola che vuole Napoli la patria degli incidenti. I nostri dati in questi mesi hanno convinto 80mila persone a firmare per la nostra causa. All’Europarlamento, grazie alla nostra iniziativa, hanno avviato un procedimento per accertare l’infrazione delle compagnie assicurative e dell’Antitrust italiana. Proprio in funzione di quanto detto, non vogliamo pagare altri soldi, anzi chiediamo di versare molto di meno. Non c’é altro di cui discutere: questa é solo una discriminazione per alcune aree del Paese“.

Davanti a tutto questo chiacchiericcio – conclude Stornaiuolo – noi chiediamo, con tutte le buone ragioni che ci spingono a farlo, una tariffa unica per tutto il paese. Tutte le altre proposte vanno in direzione opposta a quello per cui stiamo lottando“.

Fonte: Salerno Notizie (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.

1 Comment

Comments are closed.