Opinione della Settimana

Liberalizzazioni in aula al Senato: ecco le novità per il settore assicurativo

Sono in tutto una trentina le modifiche più rilevanti apportate dalla Commissione Industria del Senato al decreto liberalizzazioni, che dopo il via libera notturno approderà questa mattina in aula. Molte di queste riguardano settori ‘caldi’ come banche e assicurazioni. Ecco in sintesi le principali modifiche già approvate o in arrivo per il settore assicurativo:

FRODE ASSICURAZIONI: Fino a 5 anni di carcere per chi froda l’assicurazione. Le sanzioni, che attualmente vanno da 6 mesi a 4 anni, vengono elevate e arrivano da uno a 5 anni. La norma interessa chi ”al fine di conseguire per sè o per altri l’indennizzo” da parte dell’assicurazione ”distrugge, disperde, deteriora od occulta cose di sua proprietà, falsifica o altera una polizza o la documentazione relativi al sinistro”.

MUTUI: Mutui non vincolati all’apertura di un conto corrente e polizze vita scelte direttamente dal cliente. L’istituto di credito che concede un mutuo dovrà sottoporre al cliente ”almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi non riconducibili alle banche, agli istituti di credito e agli intermediari finanziari stessi”. Il cliente sarà comunque libero di ”scegliere sul mercato la polizza sulla vita più conveniente’‘. L’erogazione di un mutuo non potrà essere vincolata ”all’apertura di un conto corrente presso la medesima banca, istituto o intermediario”.

RC AUTO: E’ ricco il pacchetto di modifiche che interessa l’Rc auto. Gli automobilisti virtuosi pagheranno la stessa tariffa Rc auto su tutto il territorio. Nasce inoltre la banca dati anagrafe testimoni e la banca dati anagrafe danneggiati, che consentirà di ridurre i prezzi dell’Rc auto. Stop alle lesioni permanenti, per i danni biologici lievi che non possono essere verificati e le compagnie assicurative dovranno fornire informazioni ”dettagliate circa il numero dei sinistri per i quali si è ritenuto di svolgere approfondimenti in relazione costi” all’Isvap. Inoltre nessuna penalità per chi deciderà di far riparare la propria auto, in seguito a un incidente, dal carrozziere di fiducia.

Fonte: Adnkronos e ANSA (Articolo originale AdnkronosANSA)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.