News

REATO DI OMICIDIO STRADALE: L’ASAPS PLAUDE IL GOVERNO

L’associazione esprime soddisfazione per le parole del ministro dei Trasporti, Corrado Passera, che si è detto favorevole all’introduzione di questa tipologia di condanna.

L’Asaps ha espresso tutta la sua soddisfazione per le dichiarazioni del ministro dei Trasporti Corrado Passera a favore dell’approfondimento sulla proposta di introdurre il reato di omicidio stradale, materia sulla quale l’Associazione ha contribuito con le associazioni fiorentine Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni, alla raccolta di 57.000 firme, consegnate nei giorni scorsi al presidente della commissione Trasporti della Camera Mario Valducci.

«La soddisfazione è la più ampia anche perché ci auguriamo che l’impegno o quanto meno la riflessione del ministro Passera,  dopo quello dell’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni dell’agosto scorso, serva a sbloccare la situazione statica del provvedimento incardinato nella proposta di legge delega per la riforma del codice della strada, un provvedimento dal prevedibile itinerario lungo e complesso», dice il presidente dell’Associazione, Giordano Biserni (nella foto).

«L’ebbrezza per alcol e l’uso di sostanze stupefacenti continuano a proiettare la loro ombra sinistra su molte tragedie della strada, anche se nel nostro Paese non se ne ha una esatta contezza. Infatti, incredibilmente,  dal 2009 i dati ufficiali delle cause degli incidenti non contengono la specifica voce dei sinistri determinati dalla condizione di ebbrezza dei conducenti. Soccorrono però alcuni dati provenienti dagli osservatori il Centauro – Asaps curati dall’associazione forlivese. Per la pirateria stradale (un segmento limitato del totale dell’incidentalità nel quale nel 2011 abbiamo registrato 852 episodi significativi con 995 feriti e 127 morti) l’alcol e la droga emergono nel 35% dei 124 episodi mortali. E si deve evidenziare che parliamo dei soli casi in cui è stato possibile sottoporre il pirata alla prova con l’etilometro poco dopo l’evento. Nei casi in cui il pirata viene identificato a distanza di giorni o settimane la verifica non si può fare. Secondo le proiezioni Asaps, la pirateria grave alcol-narco correlata sfiora sicuramente il 50% di questi incidenti. Aggiungiamo», continua Biserni, «altri elementi valutativi alla voce ebbrezza: anche negli incidenti determinati dai contromano nelle autostrade o superstrade nel 2011, il 24% dei conducenti è risultato positivo all’alcol e/o alla droga. E ancora, nel 34% delle aggressioni su strada agli agenti, il conducente è ubriaco e/o drogato. Siamo di fronte a dati più che sufficienti per rendere evidente il fattore di rischio dell’alcol e della droga sulla strada, per questo servono condanne certe per chi uccide in condizioni di ebbrezza elevata o droga e l’ergastolo della patente».

Redazione Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Sud Corea: primi tre mesi in calo di utili per gli assicuratori

Secondo l’autorità di regolamentazione finanziaria, il calo dei profitti è da attribuire al…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: amministrazione Biden estende alle cure dentarie l’assicurazione pubblica

Il deficit nella copertura è immenso: lo scorso anno quasi 69 milioni di adulti statunitensi non…
Leggi di più
News

Al Festival dell'Economia di Trento le assicurazioni cinesi dialogano sul loro allineamento agli standard internazionali

Wei Chen, direttore amministrativo di Pacific Insurance ha detto: “Ci stiamo allineando alle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.