Opinione della Settimana

Fonsai: Sator-Palladio stringono sul piano

Il piano industriale di Sator e Palladio per rilanciare Fonsai è quasi ultimato. Predisposto nel fine settimana, il progetto rimette il business assicurativo al centro di Fonsai, tramite un intervento «organico» che incide su struttura societaria, governance, management, rapporti con le parti correlate e organizzazione del capitale.

In pratica, massimo sforzo sulle polizze, qualche passo indietro dall’immobiliare e meno «lacci» finanziari: durante l’era Ligresti Fonsai ha accumulato quote in Mediobanca, Unicredit, Generali, Rcs e Pirelli; già svalutate per 350 milioni lo scorso dicembre.

Inizia così l’assalto finale di Matteo Arpe (nella foto) e Roberto Meneguzzo per bloccare l’integrazione Unipol-Fonsai voluta da Mediobanca e da Unicredit, le due banche grandi creditrici dei Ligresti. E oggi scattano i quattro giorni forse più caldi dello scontro: Sator e Palladio hanno infatti posto l’ultimatum di riuscire a presentare alle banche entro giovedì la loro proposta per ristrutturare il debito Premafin, altrimenti saranno liberi di ritirarsi. Il termine sembra, tuttavia, più tattico che strategico: Arpe e Meneguzzo vogliono infatti fare di Fonsai un caso aziendale in grado di coagulare i consensi degli investitori istituzionali da anni vicini all’ex ad di Capitalia.

Dall’altro lato del campo di battaglia, Unipol lima intanto l’intesa con le banche creditrici, fornendo i dettagli finanziari e strategici necessari (sinergie e numeri pro-forma) a sbloccare la «comfort letter» sulla ristrutturazione del debito Premafin, in tempo per il cda Fonsai del 15 marzo: mancano gli ultimi ritocchi agli spread applicati e al prestito convertendo da 150 milioni. Bologna sta cercando di terminare, per la stessa data, anche la due diligence incrociata da cui uscirà la prima forchetta dei concambi per la fusione.

Venerdì sera il consiglio di amministrazione straordinario di Premafin ha intanto girato a Unicredit, nella veste di banca agente, l’offerta di Sator-Palladio. Lo scontro ruota attorno alla clausola di esclusiva concessa dai Ligresti a Unipol: secondo il parere legale dello studio Riolo Calderaro Crisostomo, le banche non corrono rischi se rifiutano a priori di aprire la discussione con Arpe e Meneguzzo perché l’unico soggetto titolato a trattare è Premafin.

Un labirinto, dentro del quale ribolle la tentazione di smarcarsi dei Ligresti: già venerdì il board della holding, pur ribadendo il rispetto del conttratto con Unipol, si sarebbe soffermato sulle clausola di sospensiva, così da tenersi eventualmente pronto ad agire. Violare l’esclusiva esporrebbe però con ogni probabilità Premafin a una salata richiesta di risarcimento per mancata fusione da parte di Unipol: secondo alcuni stimabile in 300 milioni di euro. Resta inoltre ancora da capire se il bilancio della holding sarà approvato dal cda il 16 marzo o se invece, come pare probabile, slitterà a fine mese, dopo l’assemblea per la delega al previsto aumento di capitale di Fonsai da 1,1 miliardi. Il presidente Giulia Ligresti ha invitato Fonsai a valutare una riduzione dell’importo, ma lo spazio di manovra appare limitatissimo, complice il pressing Isvap. L’assise del 19 marzo sarà invece la prima occasione di confronto pubblico tra Unipol e Sator-Palladio.

Autore: Massimo Restelli – Il Giornale (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.