Opinione della Settimana

«Agenti Itas, protesta tardiva»

Demozzi freddo sullo stato di agitazione indetto dai mandatari della compagnia: «Da gennaio chiediamo modifiche al regolamento 49, spero che questa non sia una battaglia di retroguardia»

«L’iniziativa degli agenti di Itas Assicurazioni? Mi sembra una protesta tardiva. Lo Sna si è attivato contro il regolamento 49 Isvap già a gennaio». Claudio Demozzi (nella foto a sinistra), agente assicurativo trentino e presidente nazionale dello Sna, critica la decisione degli operatori della compagnia con sede a Trento di indire lo stato di agitazione. Arrivando, se sarà necessario, a chiudere le agenzie. L’obiettivo è modificare la formulazione del regolamento applicativo del decreto Salva Italia che impone di presentare tre preventivi al cliente all’atto di stipula del contratto.

«Gli agenti Itas fanno bene a manifestare la loro contrarietà nei confronti del regolamento 49, così come è stato formulato. Lo Sna lo ha fatto da tempo. Devono fare però attenzione: corrono il rischio di non schierarsi a favore dell’apertura del mercato, ma di appoggiare la restaurazione». Le parole di Demozzi tradiscono la distanza tra il Sindacato nazionale agenti di assicurazione e il Gruppo agenti di Itas, presieduto dal trentino Giuseppe Consoli (nella foto in basso a destra). Quest’ultimo si era dissociato dai lavori dello Sna perché lo considera troppo vicino al governo sul tema delle liberalizzazioni. Alla luce delle differenti posizioni si spiegano le puntualizzazioni di Demozzi a proposito dell’iniziativa degli agenti. Consoli tramite una lettera aveva invitato i colleghi «a una compatta adesione a azioni straordinarie fino a arrivare, se sarà necessario, alla serrata delle agenzie». Nel mirino degli agenti Itas il regolamento 49 di Isvap che a sua volta applica l’articolo 34 comma 3/bis della legge 27 del marzo 2012. La categoria teme l’aggravio burocratico che comporta a suo avviso il rispetto della norma.

Demozzi è d’accordo sull’esigenza di introdurre dei correttivi: «Da tempo chiediamo che i tre preventivi si possano presentare verbalmente, senza stampare migliala di fogli, e possano essere salvati su pc». La norma per il momento resta sospesa in attesa delle decisioni di Isvap. Sullo sfondo nella dialettica tra Sna e agenti Itas c’è anche la diversa prospettiva sul plurimandato. Demozzi è un grande sostenitore di questa opzione. Gli agenti Itas invece sarebbero più legati alla compagnia di riferimento. «Con il plurimandato — conclude — si supererebbe l’ostilità all’obbligo dei tre preventivi. Gli agenti potrebbero riunirsi in consorzi o in studi associati, diventando sempre più consulenti del cliente e non operatori esclusivi delle compagnie. I preventivi diventerebbero quindi automatici nell’ottica di vendere la polizza migliore all’acquirente».

Fonte: Corriere del Trentino

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.