News

LA VOCE DEGLI INTERMEDIARI: LETTERA APERTA A DEMOZZI E CONGIU

Inauguriamo la rubrica “La Voce degli Intermediari“, pubblicando la lettera aperta che Aleardo Paoloni, titolare dell’Agenzia Generale Cattolica Assicurazioni di Roma Piazza delle Starne, ha inviato a Claudio Demozzi, presidente SNA e Massimo Congiu, presidente UNAPASS:

“A Claudio e Massimo

Carissimi colleghi,

ce ne ho messo di tempo per rispondere a quello che si continua a leggere tra le “news”, ma, come si suol dire, non è mai troppo tardi. La notizia di oggi e conferma dei Vostri intenti tesi all’unificazione delle nostre forze è senz’altro positiva.

Non è mai troppo tardi provare a spiegare a TUTTI i nostri colleghi che la nostra unica speranza di sopravvivenza è l’unione;

Non è mai troppo tardi far capire che di un solo mandato o singola opportunità “si muore”;

Non è mai troppo tardi provare a far “rinsavire” chi vorrebbe spaccare ancor di più le nostre (già deboli) forze, al solo scopo di avere una poltrona “comoda”;

Non è mai troppo tardi essere presenti nel territorio ricercando con maggior impeto un contatto con quei “colleghi” che soffrono dell’attuale contingenza e non trovano sbocchi dignitosi, istradandoli sui loro doveri ma ancor più sui loro diritti.

Diritti che il più delle volte vengono evasi, con sottigliezze ed accordi (integrativi e non), o mille altre forme che ci hanno portato ad avere uno status quo veramente deludente. E personalmente, non fa male vedere un collega in sofferenza per una remunerazione inferiore, ma la sfrontatezza con la quale vengono perpetrate azioni, spacciandole per “favori” nei nostri confronti.

Le Compagnie, non devono essere considerate controparti, (finchè non ledono i nostri diritti), ma un partner con cui condividere strategie e pianificare anche per noi (e non solo per loro) un utile ed una crescita a due cifre;

Analizziamo la nostra storia e il nostro status attuale. Apriamo gli occhi, la nostra unica risorsa è il cliente, la nostra professionalità e competenza. Ogni anno perdiamo colleghi, veniamo surclassati da enti, (leggasi poste, banche), che propinano prodotti senza alcuna preparazione tecnica o deontologica. Prodotti unici, senza possibilità di scelta, senza badare alla congruità o adeguatezza, facendo numeri approfittando della poca capacità e ignoranza della materia, di alcune tipologie di clienti.

D’altra parte, come si può combattere contro chi ha a disposizione ogni possibile mezzo di comunicazione (radio, tv, giornali) , attrezzature, macchinari, carta, toner, etc a costo 0 (zero) a differenza di noi che dobbiamo investire ogni nostra più piccola nostra risorsa ( perché siamo considerati “imprenditori”), anche solo per stampare la polizza di Compagnia?

Tanti oneri e pochi onori… ma, andiamo avanti (finchè possiamo) perché “amiamo il nostro lavoro” !!!

E personalmente, amando anche valori rari da trovare quali schiettezza, lealtà, onestà e la sobrietà dei nostri attuali rappresentanti (cioè Voi) , spero che si possa proseguire un discorso di unificazione, mettendo al primo posto, la figura dell’Agente, anche nei confronti delle imprese.

E’ squallido e desolante riscontrare azioni tese a delegittimare l’attuale Esecutivo Sna, che tenta, ed ha sempre tentato, difendere tutti i nostri colleghi seppur non iscritti.

Per tutti coloro che “bramano” la poltrona , che fino a ieri si ergevano a nostri paladini, rivendicando azioni e movimenti vari, e, che oggi vorrebbero dividerci ancor di più, spero capiscano che noi Agenti cerchiamo rappresentanti “puliti” decisi a portar avanti azioni, da valutare con serenità, nei confronti di chiunque tenti di ostacolare la nostra dignità!

E non mi si venga a dire che lo SNA , ed in particolare Demozzi, vorrebbe il solo plurimandato. Chi lo conosce sa che non è così, anche se sarebbe il massimo delle aspirazioni di tutti noi.

Vorrei sapere quanti colleghi fedeli al monomandato ed alla propria Compagnia, non hanno impiegate, sub-agenti, collaboratori, non iscritti in sezione E.

E pur tra mille difficoltà, si cerca di ottenere quanto più possibile. Noi desideriamo, come sempre, avere una giusta collocazione ed una giusta ricompensa per la nostra professionalità a difesa del cittadino.

Le Compagnie??? Nostri partners !!!

Sta a loro decidere quale tariffa o sconti applicare, noi chiediamo soltanto di poter erogare al cliente una prestazione/polizza, seppur redatta da un collega, che possa soddisfare tutti gli attori presenti sul palcoscenico,Compagnie, Intermediari Clienti, senza dover incorrere in sanzioni per rispetto del libero mercato.

Per la nostra sopravvivenza è chiedere troppo? Buon lavoro!

Aleardo Paoloni”

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Brasile: le alluvioni nel Rio Grande do Sul causano danni per $1,75 miliardi

La stima in un report di Aon che indica in circa 100milioni le perdite per gli assicuratori Le…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Francia: partnership strategica tra ABN Amro e BNP Paribas nelle polizze vita di fascia alta

La banca francese acquisirà la quota di ABN Amro in Neuflize vie, la partnership assicurativa…
Leggi di più
EsteroNews

Spagna: Saragozza impone l’assicurazione obbligatoria RC per i ciclisti

Il Consiglio comunale di Saragozza, in Spagna, ha annunciato di voler rendere obbligatoria…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.

3 Comments

Comments are closed.