Associazioni di Categoria

FISAC CGIL CALABRIA: LE ASSICURAZIONI ABBANDONANO COSENZA

Le Compagnie d’assicurazione continuano a depotenziare le strutture liquidative sul territorio, contrariamente a quanto raccomandato dall’Organo di Vigilanza. Questo con un conseguente peggioramento della qualità del servizio all’utenza. Riflessi negativi anche sul mercato del lavoro: vengono soppressi e accorpati gli uffici di liquidazione danni presenti sul territorio e la gestione delle pratiche viene centralizzata ai call center direzionali, formati da personale con scarsa esperienza, ma con un basso costo retributivo. Come al solito si preferisce risparmiare sul personale a scapito del servizio“. Dario De Santis, del Direttivo Regionale calabro Fisac-Cgil, inizia così la sua riflessione sul graduale disimpegno delle compagnie assicurative in Calabria.

Per quanto riguarda la Calabria e la provincia di Cosenza in particolare, le cose sono ancora peggiori rispetto al panorama nazionale. Nella provincia di Cosenza – che ha una estensione territoriale superiore alla intera Liguria e dove la rete di comunicazioni stradale e ferroviaria non sono certo tra le più efficienti del paese – diverse Compagnie hanno abbandonato il campo accorpando gli uffici, nella migliore delle ipotesi, nel capoluogo di regione: avevano iniziato qualche anno fa la Ras e Allianz (poi confluite nello stesso gruppo), hanno poi seguito l’esempio Ina Assitalia, Generali e Carige. Di recente si è accodata anche la Cattolica.”

E per il prossimo anno non si preannunciano novità positive. “Bisogna aggiungere, inoltre, che dal 2013 anche l’Assimoco Assicurazioni ha annunciato la chiusura dell’Ispettorato Sinistri di Cosenza e che il personale impiegato verrà trasferito su Bari con notevolissimi disagi, anche in quest’ultimo caso, per i dipendenti interessati“.

De Santis pone anche una domanda finale: “Come fa un legale di Cosenza, Rossano o di Castrovillari o peggio ancora un semplice cittadino a raggiungere le strutture competenti, sempre più lontane, per ottenere la liquidazione di un sinistro? E cosa dire infine per quanto riguarda i disagi che il personale trasferito dovrà sopportare?“.

Questa è la conferma che le compagnie focalizzano i loro sforzi solo sul contenimento dei costi, senza pensare alla qualità dei servizi erogati“, è l’amara conclusione del comunicato.

Intermedia Channel

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaNews

Covid19: ANAPA e sindacati dipendenti di agenzia scrivono al Governo per chiedere il vaccino

L’appello: «Abbiamo sempre garantito il servizio, rischiando, in ogni fase della pandemia.
Leggi di più
Associazioni di CategoriaIn EvidenzaNews

L'assemblea dell'Associazione per la previdenza e assistenza complementari, Sergio Corbello rieletto Presidente di Assoprevidenza

– Il nuovo Comitato direttivo 2020/2023– Incentivi fiscali alla riqualificazione…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.