Opinione della Settimana

Obiettivo: separare i patrimoni

Polizze, trust e mandato fiduciario a confronto. In rassegna diverse chance per investire

Cassaforte (2) - Protezione patrimonio ImcPer diversi motivi, contingenti e non, l’interesse per gli strumenti a disposizione del cittadino italiano per «separare» una parte del proprio patrimonio, mobiliare o immobiliare, e trasformarlo in un «patrimonio autonomo» che non si confonda con quello di chi l’ha costituito, è cresciuto notevolmente (si pensi, per esempio, all’imprenditore che destina parte del proprio patrimonio al coniuge e ai figli per assicurare loro una vita decorosa in caso di fallimento dell’impresa o ai genitori che vogliono garantire che una parte del loro patrimonio venga utilizzata per perseguire finalità di utilità sociale o il mantenimento di figli non autonomi).

Il panorama giuridico italiano consente di utilizzare, accanto a strumenti ormai consolidati (si pensi al mandato fiduciario, regolato da una legge del 1939, o al fondo patrimoniale introdotto con la riforma del diritto di famiglia del 1975), strumenti giuridici «importati» dall’estero (trattasi della cosiddetta Globalizzazione del diritto). Tra questi quelli che più stanno trovando interesse sono le polizze assicurative di diritto estero e i trust.

Vantaggi e svantaggi. A fronte della conservazione di un maggiore potere di controllo da parte dell’originario titolare dei beni corrisponde una minore segregazione del patrimonio e una conseguente maggiore vulnerabilità del patrimonio alle possibili azioni di terzi interessati allo stesso.

Viceversa, la rinuncia a tutti o quasi i poteri di gestione dei beni segregati in un Trust o in una polizza assicurativa di diritto estero consente di raggiungere un maggiore effetto di separazione e rendere più remota la possibile aggressione del patrimonio da parte di terzi.

La scelta dello strumento non può quindi prescindere da una preventiva verifica dell’effettiva finalità che con il suo utilizzo si intende perseguire:

  • Il mandato fiduciario può assicurare una gestione separata e riservata di un importante affare senza per questo perderne il controllo: la società fiduciaria italiana eseguirà, infatti, le sole istruzioni impartite dal cliente;
  • La polizza assicurativa di diritto estero consente di separare una parte del patrimonio e destinarlo, anche in ottica successoria, a uno o più soggetti noti alla sola compagnia assicurativa che, in questi casi, è irlandese o lussemburghese;
  • Il Trust asseconda l’esigenza, anche solo temporanea, di segregare un patrimonio, mobiliare o immobiliare, presso un soggetto (la Trust company può avere sede in Italia o in altro stato europeo o extra europeo, magari perché dotato di una specifica legge sui Trust) che lo gestirà professionalmente al fine di assicurarne non solo un adeguato rendimento ma anche la non aggressione da parte di tutti i terzi.

Autore: Fabrizio Vedana – ItaliaOggi (Estratto articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.