Opinione della Settimana

L'assicurativo torinese in allarme

Oltre 2.500 gli addetti del polo territoriale coinvolti in processi riorganizzativi. L’indotto teme le ricadute del riassetto di Unipol-Fonsai e Generali

Da polo nazionale del comparto assicurativo a territorio che perde centralità. Dalla riorganizzazione dei gruppi Unipol-Fonsai e Generali, il mondo delle assicurazioni torinese rischia di uscire con le ossa rotte e con un solo marchio, Reale Mutua, ancora radicato in terra piemontese. Sono oltre 2.500 gli addetti direttamente o indirettamente coinvolti nei processi di riorganizzazione: 1.200 quelli di Fonsai, accanto ai 600 dell’indotto tra call center e servizi, più i 700 dipendenti diretti della Toro Assicurazioni in tutta la regione, uno dei marchi in discussione nel nuovo piano industriale di Generali, accanto ai 200-300 se si considerano informatici, consulenti e servizi vari.

Torino - Mole Antonelliana ImcInsomma, una rivoluzione che, a regime, cambierà radicalmente la geografia e gli equilibri, trasformando Torino da polo di riferimento a periferia di gruppi che hanno la testa altrove: tra Bologna e Milano per la nuova UnipolSai, tra Milano, Mogliano Veneto e Trieste nel caso della ex-Toro (ora AlleanzaToro per effetto della fusione di Toro con Alleanza del 2009).

Dai 42mila addetti degli anni Settanta in Piemonte, ripercorrono i sindacati, si è passati agli attuali 35mila. «Il rischio è che si registri un nuovo forte ridimensionamento su addetti, agenzie e imprese legate al mondo assicurativo» sottolinea Giacomo Sturniolo, segretario regionale di Fisac Cgil.

In casa Generali, il processo di riorganizzazione dei marchi e delle sedi è stato avviato. «La nostra preoccupazione – spiega Massimo D’Ambrosio, responsabile della Fna, Federazione Nazionale Assicuratori, del Gruppo Generali per Ex-Toro – è che la scomparsa di un marchio storico, con più di 175 anni di storia, possa minacciare la tenuta economica del polo assicurativo torinese e piemontese». Le rappresentanze sindacali hanno ottenuto, nero su bianco, di essere preventivamente informati su ogni decisione aziendale. Al contempo sono partiti otto tavoli-cantieri per esaminare le ricadute della riorganizzazione e per definire, entro luglio, la base per un possibile accordo.«La creazione di una company unica – aggiunge Sara Murlo, responsabile del gruppo Generali per Fisac Cgil – crea problemi nella rete commerciale e tra gli agenti, con una tendenza tra le agenzie che cominciano a superare il modello “monomandatari” per scegliere la possibilità di avere più rapporti commerciali». Fino a giugno 2014, come prevede l’accordo di gruppo sottoscritto l’anno scorso, «prima della tempesta» dice Murlo, i livelli occupazionali sono tutelati. La partita, dunque, potrà riaprirsi l’anno prossimo. «Il problema per Torino, che non è né Roma né Milano, resta, e il rischio è di diventare periferici pur essendo una realtà economicamente rilevante».

Nelle prossime settimane, invece, sarà avviata la trattativa per la ridefinizione degli organici e delle sedi Unipol-Fonsai. Torino, che ha già perso il ruolo di sede direzionale e legale, avrà l’impatto più pesante, «sia per la rilevanza dei numeri rispetto alle altre sedi, che per impatto sulle professionalità» dicono i sindacati.

L’accordo sindacale sottoscritto un mese fa esclude procedure di licenziamento e di mobilità non volontaria e chiarisce i numeri della riorganizzazione: individuazione dei 1.090 addetti (sul totale di 15mila lavoratori) dei rami oggetto di dismissione, come richiesto dall’Antitrust, e l’esodo incentivato, grazie al ricorso al Fondo di solidarietà per il settore assicurativo, per 900 persone. La mobilità tra un sede e l’altra sarà comunque sostenuta da agevolazioni. «È prevedibile – spiega Sturniolo – che sia proprio il Piemonte l’area maggiormente coinvolta dalla riorganizzazione, che interessa oltre 8mila addetti del Gruppo». Il 23 aprile si aprirà il confronto sulle procedure sindacali.

Autore: Filomena Greco – Il Sole 24 Ore

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.