Opinione della Settimana

Campobasso: Sgominata la banda delle assicurazioni taroccate

Campobasso ImcFalsi certificati di residenza e finte dichiarazioni per truffare le assicurazioni ed evitare di pagare multe salate. A scoprire il raggiro è stata la Polstrada di Campobasso che ha denunciato quindici persone, tutte napoletane. Ci sono voluti mesi di accertamenti e di controlli incrociati per smascherare gli autori di quello che a tutti gli effetti era diventato un vero e proprio sistema. Gli agenti, coordinati dal vice questore aggiunto Daniela Salvemini, hanno scoperto che grazie ai documenti falsi era possibile ottenere l’aggiornamento delle banche dati Pra e Motorizzazione e il conseguente rilascio di una nuova carta di circolazione. Del tutto genuina nella stampa e nel supporto cartaceo, ma in realtà conteneva false informazioni. In pratica, con il nuovo documento, il proprietario del veicolo poteva, come in effetti è stato accertato ha fatto, sottoscrivere polizze a condizioni decisamente più vantaggiose. Non soltanto. Poteva anche evitare l’addebito delle proprie responsabilità in relazione alle violazioni del Codice della strada. «In proposito si evidenzia – fanno sapere dalla Polizia stradale – che una polizza Responsabilità Civile Automobilistica, a parità di condizioni, ai residenti in Campania costa notevolmente di più di quella per i residenti in zone del nord Italia, quali appunto quelle scelte da tali malfattori».

Per quel che riguarda le multe invece, è noto che le sanzioni amministrative vengono inviate al domicilio che risulta dalla consultazione degli archivi del Pra e della Motorizzazione. Quindi i truffatori, modificando il dati, facevano in modo di far effettuare le notifiche dei verbali a indirizzi falsi, evitando così di pagare le somme dovute. Traendone ovviamente dei vantaggi. Ancora un raggiro ai danni delle assicurazioni in Molise, dunque. Non è la prima volta che truffatori, soprattutto campani, escogitano uno stratagemma per risultare residenti in regione, con lo scopo di pagare polizze più basse. E proprio per contrastare un fenomeno piuttosto diffuso, le forze dell’ordine hanno intensificato i controlli nell’intero territorio.

Fonte: Il Tempo (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.