Opinione della Settimana

Promotori e studi associati: l’Apf dice sì

Trazza: “Contribuirebbe a contrastare i fenomeni di continuo invecchiamento della categoria”

L’Apf dice sì agli studi associati. L’ipotesi di sviluppo di nuove forme di aggregazione per l’esercizio della professione piace al presidente dell’Organismo per la tenuta dell’albo dei pf, Giovanna Giurgola Trazza. Il promotore finanziario, infatti, è un professionista in evoluzione che necessita di maggiori competenze e di nuove strutture a sostegno. In quest’ottica, ha spiegato Trazza nel discorso di introduzione alla Relazione annuale 2012, i team tra pf “possono assumere diverse configurazioni sia a livello di organizzazione interna della rete di distribuzione, ad esempio con la reintroduzione di funzioni di assistenza e supporto, sia di maggiore coesione a livello degli stessi professionisti come gli studi associati”.

Promotori finanziari - Studio associato ImcIl tema ha generato nelle scorse settimane un ampio dibattito negli ambienti interessati e si profilano già i primi esperimenti di realizzazione organizzativa in alcune reti a dimostrazione della esistenza di concrete esigenze del mercato e di quel tipico spirito di innovazione che spesso ha contraddistinto il settore della promozione finanziaria. “Per la formalizzazione in entità giuridicamente ordinata – ha aggiunto Trazza –  l’associazione professionale richiede, comunque, una modifica normativa che superi l’attuale previsione dell’art. 31 del TUF che, diversamente da quanto stabilito dalla direttiva comunitaria MIFID, stabilisce lo svolgimento dell’attività esclusivamente da parte di un soggetto fisico”.

Una riforma che, se ben attuata, potrebbe secondo il presidente “contribuire a conferire un respiro europeo alla professione e contrastare i fenomeni di continuo invecchiamento della categoria, e di mortificazione delle aspirazioni dei giovani che nonostante l’interesse e l’impegno per accedervi non riescono a permanervi”.

Basta in proposito considerare che negli ultimi dieci anni il numero dei giovani appartenenti alla fascia di età inferiore a 30 anni iscritti all’Albo si è ridotto dal 14 al 2%. “L’accesso facilitato dei giovani – ha concluso il presidente – contribuirebbe, altresì, al superamento della asfittica situazione attuale in cui il turnover nell’ambito della categoria avviene ancora significativamente attraverso il cambio di mandante dei professionisti consolidati. Permetterebbe, inoltre, un proficuo travaso di esperienze e di capacità nonché un ulteriore impulso all’assistenza e sviluppo dei portafogli marginali favorendo al contempo il dialogo intergenerazionale nella trasmissione familiare dei patrimoni”.

Autore: Massimo Morici – Advisor Online (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.