Opinione della Settimana

Ivass alza la guardia sui tassi bassi

Avviata un’indagine tra le imprese Vita per testare la tenuta delle polizze che promettono un rendimento garantito. L’istituto vuole quantificare il rischio per le assicurazioni di saggi ai minimi storici

Salvatore Rossi (2) ImcAbbassarli è stato l’impegno principale della Banca Centrale Europea negli ultimi mesi, con l’obiettivo di far ripartire l’economia. Ma ora i tassi d’interesse ai minimi storici potrebbero creare più di un problema alle compagnie di assicurazione. In particolare a quelle che lavorano nel ramo Vita e più in dettaglio a quelle che vendono molte polizze con gestioni separate. Una questione che è stata sollevata tra le autorità di controllo europee dove vogliono scongiurare il rischio di uno scenario giapponese, quando diverse compagnie non riuscirono a far fronte ai rendimenti garantiti agli assicurati. Un problema che passa anche per l’Italia al punto che all’Ivass, l’autorità guidata da Salvatore Rossi (nella foto), hanno preso carta e penna e hanno chiesto dati dettagliati alle società per condurre un’attenta ricognizione della situazione tra le imprese assicurative italiane e verificare, numeri alla mano, la loro esposizione al rischio di tasso d’interesse.

Il fatto è che le compagnie, in particolare nelle polizze Vita che si agganciano a gestioni interne separate, riconoscono ai propri clienti un rendimento minimo garantito ogni anno. Un rischio che si accollano direttamente, a differenza di quanto avviene nelle polizze unit o index linked (il cosiddetto ramo III) dove è il risparmiatore ad assumersi il rischio di un’eventuale perdita. E se le compagnie riescono facilmente a tenere fede alle loro promesse di rendimento quando i tassi d’interesse sono in una fase crescente, all’opposto, in caso di tassi bassi e decrescenti il pericolo per la tenuta dei loro conti aumenta. Specie quando la situazione di tassi ridotti si protrae per lungo tempo.

Così l’Ivass ha chiesto a tutte le imprese di assicurazione di effettuare simulazioni sulla loro esposizione al rischio di tasso, immaginando tre scenari differenti, stress test con livelli di difficoltà crescenti. Elaborazioni che dovranno essere effettuate prendendo a riferimento i dati di fine giugno e che dovranno essere inviate all’istituto entro fine agosto. Del resto le polizze con gestioni separate rappresentano una fetta molto importante del mercato Vita italiano, nonostante la ripresa negli ultimi mesi delle linked, in particolare delle polizze unit (quelle che investono in fondi comuni). Solo ad aprile, per esempio, secondo i dati Ania le gestioni tradizionali hanno rappresentato più del 70% dell’intera nuova produzione Vita, rastrellando 3,7 miliardi su un totale di 5,1 miliardi.

Autore: Anna Messia – Milano Finanza (Estratto articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.