Opinione della Settimana

Polizze auto, un database anti-furbi

Bloccata da un anno la legge sui tagliandi digitali, il governo: attuazione entro l’estate. Tra Napoli e provincia ottocentomila veicoli con contrassegni falsi

Archivio Digitale ImcQuasi un milione di autoveicoli sprovvisti di copertura assicurativa, mentre l’impennata dei prezzi delle tariffe prosegue, a discapito degli automobilisti onesti. Un mondo sempre in fermento e sempre pieno di cattive notizie, quello delle assicurazioni auto, in particolare a Napoli. Tuttavia le nuove tecnologie potrebbero presto limitare i danni, venendo in soccorso dei guidatori in regola con la legge e delle stesse compagnie, spesso vittima delle truffe. I frequenti controlli da parte delle forze dell’ordine ai danni di veicoli privi di polizza Rc auto o con una polizza contraffatta con-  fermano quella che, da anni, è una consolidata certezza. Basti pensare che in una sola notte, tra sabato e domenica, i carabinieri hanno bloccato e sequestrato 101 auto senza assicurazione, nelle zone della movida di via Chiaia e via Toledo.

A Napoli, l’evasione dell’obbligo assicurativo è una prassi particolarmente diffusa. Sono più di 800mila a Napoli e provincia, secondo i dati dell’Aci, le auto prive di polizza o con una copertura falsa. Circa 3 milioni e mezzo, invece, il totale in Italia. Un fenomeno estremamente radicato, che, secondo alcuni, ha una duplice motivazione. È stata più volte segnalata dalla lobby delle assicurazioni la presenza di tantissimi automobilisti che eludono consapevolmente l’obbligo della stipula di un contratto, facendosi beffe del codice della strada. Tuttavia, la disonestà non esaurisce tutte le spiegazioni. «Non ci sono solo i fraudolenti. Le tariffe altissime a Napoli – spiega il presidente regionale di Federconsumatori Rosario Stornaiuolocostringono tanti guidatori a cercare disperatamente le soluzioni più economiche. Il tentativo di risparmiare fa incappare molti nelle compagnie fantasma che a Napoli proliferano. Non è più tollerabile che da noi si continuino a pagare tariffe superiori del triplo o del quadruplo a quelle del Nord, come hanno dimostrato anche recentemente i dati dell’Ivass. Una soluzione a tutti i problemi esiste già e il governo Letta deve sbrigarsi ad attuarla».

Proprio qui entrano in gioco le nuove tecnologie. È stato approvato già dal precedente esecutivo, nei primi mesi del 2012, un decreto legge per la dematerializzazione dei contrassegni assicurativi. Ovvero, la digitalizzazione degli attuali tagliandi e degli attestati di rischio. Un modo per consentire alle forze dell’ordine di stabilire, con l’ausilio delle tecnologie satellitari, se le autovetture circolanti su autostrade e arterie cittadine sono in regola con l’assicurazione. Dopo la creazione di un database con tutte le vetture immatricolate nel nostro paese un archivio già in fase di completamento, da parte del ministero dei Trasporti sarà possibile individuare con un semplice clic gli automobilisti fraudolenti. Manca solo il regolamento attuativo da parte dell’attuale governo per il via alla digitalizzazione. Sarà proprio il regolamento a stabilire le modalità attraverso cui le nostre strade saranno attrezzate con le tecnologie satellitari necessarie per l’operazione. Significative, in questo senso, le dichiarazioni recenti del sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari: «La dematerializzazione dei contrassegni è uno dei primi provvedimenti per le assicurazioni da varare entro l’estate». Parole rassicuranti tanto per le compagnie quanto per gli automobilisti. «Una volta scovati i guidatori fraudolenti, le compagnie non avranno più scuse per far pagare di più i napoletani», conclude Stornaiuolo.

Autore: Valerio Iuliano – Il Mattino

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.