IVASS

BOLLETTINO IVASS MAGGIO: NOVE INTERMEDIARI COLPITI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

IVASS HPSecondo quanto riportato dal Bollettino IVASS del mese di maggio, sono nove gli intermediari colpiti da sanzioni amministrative pecuniarie fino a 11.000 Euro. Nel dettaglio:

  • L’ordinanza n. 927/13 del 13 maggio ha disposto 5.333,33 Euro di sanzione a carico di Maurizio Paoloni per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni;
  • Multa di 11.000 Euro per Paola Cecchinelli (Ordinanza n. 928/13 del 13 maggio), alla quale è stato contestato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati;
  • 3 B Broker s.r.l. è stata sanzionata con 3.333,33 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale (Ordinanza n. 934/13 del 13 maggio);
  • L’ordinanza n. 1028/13 del 21 maggio ha disposto 10.000 Euro di sanzione a carico della Erre.Gi s.a.s. di Ghirardini Roberta e C. per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale.
  • 4.000 Euro di multa per Nicola Cimadomo (Ordinanza n. 1029/13 del 21 maggio). All’intermediario è stato contestato il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale per due conti correnti e il mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in due occasioni;
  • Il mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale è stata la motivazione della sanzione di 1.000 Euro a carico di Cristina Corrado (Ordinanza n. 1030/13 del 21 maggio).
  • L’ordinanza n. 1089/13 del 28 maggio ha sanzionato con 1.000 Euro la ASI International Broker s.r.l. per mancata comunicazione all’Autorità, nei termini previsti, della variazione della sede legale;
  • 6.666,67 Euro di sanzione per Assigrifo s.r.l. – in persona del curatore fallimentare -, per mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati e mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale (Ordinanza n. 1092/13 del 28 maggio);
  • Multa di 1.000 Euro per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale a carico di Vilma Rizzardi (Ordinanza n. 1093/13 del 28 maggio);

L’IVASS ha anche annullato la sanzione di 16.666,67 Euro a carico di Flavio Fidani (in qualità di attuario incaricato per il ramo r.c. auto da Crédit Agricole Assicurazioni). La nota dell’autorità del 17 maggio ha quindi corretto l’ordinanza ISVAP n. 2429/12 del 21 giugno 2012 nella quale era stata contestata la mancata verifica della coerenza dei premi di tariffa r.c. auto con le basi tecniche per singole classi di tariffazione.

Intermedia Channel

Articoli correlati
In EvidenzaIVASSNews

Ivass: nel 2021 il premio medio Rc Auto è stato di 301 euro, al netto degli oneri fiscali

Nonostante la ripresa della circolazione a seguito delle restrizioni imposte nel 2020, la frequenza…
Leggi di più
IVASSNews

Insurance summit: le compagnie tra la crisi e il futuro

Gli impatti sul settore assicurativo dell’incertezza del contesto economico e geopolitico e dai…
Leggi di più
In EvidenzaIVASSNews

Italia indietro tutta sull’assicurazione per danni da catastrofi naturali

Nella media del periodo 1980-2020 in Italia solo il 6% delle perdite connesse a tali eventi era…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.