Opinione della Settimana

Murano (VE): Vetrai Seguso vince il ricorso sulle polizze

Il Tribunale di Torino in una sentenza ha dato ragione allo storico marchio del vetro

Le assicurazioni non possono pretendere il pagamento del premio sulla polizza dei fabbricati se il cliente ha dato la disdetta. Poco conta se la banca non ha ancora inoltrato alla compagnia assicurativa la sua autorizzazione. Vale quanto ha deciso il cliente.

Vetrai Seguso ImcLa sentenza, forse la prima in Italia che si è pronunciata in favore dell’assicurato, è stata quella emessa dalla Terza sezione del tribunale di Torino.

Protagonisti della vicenda la società di maestri vetrai “Seguso” e l’assicurazione Toro. La società di maestri vetrai aveva assicurato il proprio fabbricato con la compagnia Toro che nella polizza aveva inserito il cosiddetto vincolo a favore degli istituti di credito che avevano erogato il mutuo per l’acquisto dell’immobile. “Seguso“, ad un certo punto, nonostante avesse comunicato la disdetta della polizza nel termine dei sessanta giorni previsti per legge, si è visto notificare dall’assicurazione un decreto ingiuntivo per il pagamento di 4.840 euro.

In pratica era stato richiesto il pagamento della rata della polizza, malgrado ci fosse la disdetta, sostenendo che rimaneva valida fino a quando la banca non avesse espressamente autorizzato lo svincolo dall’obbligo di pagamento. La società veneziana, difesa dall’avvocato Alessia Favaro di Mira, ha presentato opposizione davanti al giudice di Pace di Torino (città sede della compagnia di assicurazioni) al decreto ingiuntivo. Ma le richieste della società in primo grado sono state respinte. Sono quindi ricorsi in Appello avanti al tribunale di Torino ottenendo l’integrale riforma della sentenza impugnata. Il giudice Maura Arisio ha dato ragione a “Seguso“, sostenendo che era sufficiente la disdetta del contratto di assicurazione da parte del cliente entro i sessanta giorni dalla scadenza del premio, anche se non c’era ancora il consenso alla cessazione del vincolo da parte della banca.

La sentenza del tribunale di Torino si è quindi pronunciata a favore del consumatore assicurato. Una sentenza che pone fine alla prassi di alcune compagnie assicurative di intimare il pagamento della polizza se non c’è lo svincolo da parte degli istituti di credito. Comunicazione che talvolta le banche ritardano a rilasciare. Un comportamento non corretto che è stato denunciato anche dall’Antitrust.

Autore: Raffaella Ianuale – Il Gazzettino

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.

1 Comment

Comments are closed.