Opinione della Settimana

Donnet guiderà Generali Italia

Greco chiama il manager che aveva seguito la fusione delle attività italiane di Axa. L’ad Agrusti lascerà gli incarichi operativi il 30 settembre e il gruppo a fine anno

Generali - Facciata ImcIl suo nome non è nuovo per il mondo assicurativo italiano. Sarà Philippe Donnet a guidare Generali Italia. Si tratta del manager che nel 2000, all’epoca per conto di Axa, aveva dato avvio alla complicata integrazione di ben quattro società rilevate nella penisola dalla compagnia francese, ovvero Abeille e Uap e le loro possedute Centurion e Allsecures. Si sa che le fusioni tra società di distribuzione non sono mai cosa semplice, ed evidentemente il ceo di Generali, Mario Greco, ha scelto di chiamare a lavorare con lui un manager che di integrazioni ne sa e che vanta un’esperienza internazionale. Donnet per Axa ha lavorato anche in Asia e poi ha deciso di fondare Hdl, una società di investimento.

In ogni caso la mossa di Greco si è rivelata una sorpresa, perché erano altri i nomi che circolavano come possibili candidati alla guida di Generali Italia, la società nata a inizio luglio dall’integrazione di Generali in Ina Assitalia e destinata a inglobare anche Toro e Lloyd Italico (mentre Fata è in procinto di essere ceduta, con una trattativa aperta con Cattolica). Voci che avevano cominciato a rincorrersi quando era ormai evidente che Raffaele Agrusti, che aveva lavorato come cfo con il precedente ad di Generali, Giovanni Perissinotto, era destinato a lasciare l’incarico. Secondo gli accordi raggiunti ieri Donnet entrerà nel gruppo dal prossimo ottobre e siederà anche nel Group Management Committee, l’organo formato dai dieci manager più importanti di Generali, che si occupa di definire le strategie del gruppo e si riunisce puntualmente ogni lunedì. Con l’arrivo di Donnet il super board sarà costituito da cinque italiani e da cinque manager internazionali.

Per quanto riguarda Agrusti, con cui nelle scorse settimane non sarebbero mancanti momenti di tensione, gli accordi firmati ieri prevedono che lascerà gli incarichi operativi il 30 settembre e il gruppo a fine anno. Un’uscita graduale «per facilitare il passaggio di consegne», hanno scritto da Trieste. Mentre Greco ha inviato una lettera a tutti i dirigenti italiani di Generali riconoscendo che senza Agrusti il progetto di Generali Italia non sarebbe arrivato così avanti e aggiungendo che «l’esperienza di Donnet darà un contributo determinante a un progetto di importanza strategica per il gruppo». Del resto Generali in Italia nonostante la forte internazionalizzazione del gruppo, rappresenta ancora il motore principale, con il 25% dei premi complessivi e il 36% del risultato operativo. Greco è pronto a investire 300 milioni e a regime Generali Italia avrà un perimetro di oltre 13 miliardi di premi e 100 miliardi di attivi.

Autore: Anna Messia – Milano Finanza (Estratto articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.