News

VOCI DALLA RETE: LETTERA APERTA AD ENRICO LETTA SULLA RC AUTO

A seguito di una serie di cortesi segnalazioni, dopo la citazione sul nostro account Twitter, rilanciamo anche su Intermedia Channel la lettera che Vincenzo Ferrante ha scritto al Presidente del Consiglio Enrico Letta subito dopo l’approvazione dei provvedimenti che abolivano l’Imu. Partendo dalle affermazioni di Letta, che parlava di equità non rispettata tra proprietari di abitazioni, Ferrante sposta il mirino su un’altra questione di equità da ristabilire: le tariffe Rc auto e il peso che ne deriva in base all’appartenenza territoriale

Voci dalla rete ImcEnzo Ferrante – Lettera aperta ad Enrico Letta sulla Rc Auto

Caro Enrico,

chi ti scrive è una persona che si occupa di assicurazioni da vent’anni, vedendone di cotte e di crude, a maggior ragione per un piccolo particolare: sono napoletano.

Chi conosce il settore assicurativo può immaginare cosa voglia dire lavorare in questo campo, vivendo nella mia città e, credo, tu lo sappia bene.

Ti scrivo queste quattro righe poiché sono rimasto colpito da ciò che hai dichiarato sull’equità non rispettata tra proprietari di abitazioni in ambito di Imu. Bene, il tuo esempio calza a pennello per quanto accade in ambito Rc Auto, tra residenti di province diverse: gli onesti non pagano premi equi, in quanto condannati dalla propria residenza.

Le statistiche sulle quali si basano le personalizzazioni del premio, sono poco chiare e suscettibili di interpretazioni che le imprese attualmente utilizzano per far pagare premi iniqui ai cittadini, che hanno la sola colpa di abitare dalle mie parti.

L’Imu incide sulle famiglie, non lo metto in dubbio, ma la Rc Auto è la “tassa” più iniqua che una famiglia napoletana possa pagare.

Ti chiedo di intervenire su questo fronte, la Rc Auto italiana è la più cara d’Europa e per tantissimi miei concittadini lo è ancora di più.

Di proposte ve ne sono tante, dall’inasprimento della lotta alle frodi, alla disciplina delle macro lesioni, all’utilizzo delle scatole nere (manca ancora il decreto attuativo!) alla riforma del bonus-malus ed una maggiore trasparenza sui metodi di calcolo della tariffa.

Ti chiedo di intervenire ascoltando chi vive quotidianamente le assurdità di questo settore, perché le persone per bene non possono essere trattate alla stregua di chi delinque, tanto poi i costi ricadono sui premi.

Ti saluta un napoletano che non vuol più pagare per colpe non sue.

Vincenzo Ferrante

*****

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroNews

Giappone: AM Best alza l’outlook del mercato vita

Positive previsioni anche nella travel insurance con raccolta premi in aumento da 578 a 1.296…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: paese vulnerabile a cyber attacchi catastrofici

Il GAO raccomanda un migliore coordinamento tra il mercato assicurativo ed il TRIP, il programma…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Cyber: riscatto medio pagato negli attacchi ransomware quintuplicato in un anno

Secondo l’indagine di Sophos le imprese hanno pagato in media $812 mila nel 2021 Il 66% delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.

2 Comments

Comments are closed.