Opinione della Settimana

Generali: fusione di Toro in Generali Italia dal 1 gennaio 2014, Donnet arriva il 7 ottobre

Generali - Facciata ImcL’incorporazione di Alleanza Toro in Generali Italia avverrà il primo gennaio 2014, mentre nella seconda metà dell’anno sarà la volta di Fata. Lo ha indicato Bruno Scaroni, chief distribution officer di Generali Italia nel corso della presentazione al Congresso del Gruppo Agenti Toro del processo di integrazione delle compagnie italiane controllate da Trieste in Generali Italia. Il calendario mostra un leggero slittamemento rispetto ai tempi annunciati in precedenza. Nello scorso giugno l’a.d. Raffaele Agrusti aveva indicato per il terzo trimestre del 2013 l’integrazione nella nuova società cui faranno capo le attività assicurative domestiche del gruppo. A luglio poi Trieste aveva previsto l’incorporazione dei marchi Toro, Lloyd Italico e Augusta entro fine anno. Scaroni ha anche preannunciato che il nuovo a.d. di Generali Italia, Philippe Donnet assumerà l’incarico il 7 ottobre. Nel corso del suo intervento, il manager ha ripercorso le varie fasi previste per l’integrazione, dalla specializzazione delle sedi ad alcune novità sui prodotti.

In particolare Scaroni si è soffermato sull’introduzione di una nuova tariffa unica auto, “costruita sulla base dati integrata di tutto il portafoglio Generali Italia, con l’adozione della best practice delle compagnie del gruppo per l’architettura della polizza“. Quanto alle sedi, Torino sarà specializzata nel ramo auto e nella distribuzione del Nord Ovest, Mogliano Veneto si occuperà del vita e della distribuzione nel Nord Est, Roma il non auto retail, a Milano il business corporate, Alleanza e il settore sinistri e a Trieste Genertel. Illustrate anche le varie tappe del roll-out dell’Information technology e dell’introduzione dei nuovi prodotti assicurativi. Il 2014 questo processo interesserà la nuova gamma auto e vita, nel 2015 sarà il turno dei danni non-auto. E’ prevista una fase di co-branding, in cui i diversi marchi affiancheranno in via transitoria il logo Generali, per arrivare – in tempi non ancora definiti – al marchio unico. Un obiettivo non particolarmente apprezzato dagli agenti Toro che all’avvio del convegno hanno proiettato un filmato che ripercorre la storia del gruppo e in cui si chiede perché si voglia sopprimere un marchio che risale al 1833. Non solo, la locandina del congresso che riporta il simbolo della compagnia, il toro appunto, chiede provocatoriamente: “Anche se ha le corna perché tradirlo?“.

Fonte: Il Sole 24 Ore Radiocor (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.