Opinione della Settimana

Previdenza complementare, quanto costa rinviare

Posticipare di pochi anni l’adesione ai fondi causa pesanti decurtazioni al vitalizio percepito

Orologio - Tempo scaduto ImcIl ritardo ha un costo. Che sia per indecisione, mancanza di informazioni o scetticismo, rimandare anche di pochi anni l’iscrizione a una forma pensionistica complementare può decurtare le rendite future. Prendendo in esame 22 diversi profili di lavoratori dipendenti e autonomi non ci sono dubbi: chi aderisce presto a un fondo pensione otterrà un tasso di sostituzione vicino al 20% del reddito netto prima della pensione ma dopo cinque anni si scende al 14% e dopo 15 si ottiene solo l’8% del reddito originario. Ovviamente le situazioni cambiano in base a età, reddito lordo e prospettive di vita lavorativa dei singoli. Anche gli anni che mancano alla pensione influiscono sul risultato finale. I lavoratori più anziani e chi conta di lasciare il lavoro tra i 64 e i 66 anni hanno meno anni di contributi. L’effetto composito riduce le prestazioni del secondo pilastro anche al 10-12% dell’ultimo stipendio. I lavoratori più giovani possono creare un piano di risparmi che duri trenta o quarant’anni, accompagnandoli per l’intera vita lavorativa. Anche chi sceglie di rinviare la pensione a 70 anni o più beneficia della maggiore durata della contribuzione. Ma il vantaggio rispetto ai colleghi senior si riduce in modo esponenziale man mano che si rinvia l’adesione ai fondi pensione.

Ben diversa, ad esempio, è la prospettiva di un lavoratore autonomo 25enne rispetto a quella di una dipendente di azienda 62enne. Supponiamo che il giovane, con un reddito lordo pari a 22mila euro e 41 anni di lavoro davanti a sè, scelga di aderire oggi a un fondo azionario con un costo di gestione pari all’1% circa. Al momento della pensione, il lavoratore otterrà almeno un quarto del proprio reddito dal secondo pilastro. Se l’ultima retribuzione netta percepita si attestasse a 21mila euro l’anno (calcolando una crescita del reddito pari all’1% annuo), il fondo pensione garantirebbe una rendita vitalizia annuale di circa 5.400 euro da sommarsi alla pensione pubblica. Se il giovane lavoratore autonomo scegliesse di rinviare per cinque anni l’iscrizione al fondo (rimandando al 2018), la rendita annuale si abbasserebbe a 4.300 euro e il tasso di sostituzione al 20%. Se attendesse il 2028, dimezzerebbe la propria rendita futura, ottenendo solo 2.600 euro l’anno contro i 5.300 della prima ipotesi.

Una dipendente privata 62enne, con una retribuzione lorda di 23mila euro e un pensionamento previsto a 75 anni, otterrebbe comunque una buona rendita se scegliesse di aderire subito a un fondo pensione. Il tasso di sostituzione raggiungerebbe il 19% e la rendita vitalizia supererebbe i 3.400 euro l’anno. Attendendo solo cinque anni prima di aderire al fondo pensione, il risultato però sarebbe di gran lunga inferiore: il tasso di sostituzione raggiungerebbe appena il 12%. «Più si ritarda l’adesione, più la rendita cala. Il rapporto non è proporzionale, nè lineare, ma esponenziale. I primi versamenti sono quelli che pesano di più sulle prestazioni future. Basta immaginare la differenza di ritorno su un investimento a cinque o a 30 anni», commenta Alberto Cauzzi, ad di Epheso. «I giovani devono attivare la previdenza complementare il prima possibile», conclude il manager.

Autore: Andrea Curiat – Plus24

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.