Opinione della Settimana

In casa non si valuta il rischio

Lavoro a domicilio ImcUn interpello del ministero del lavoro sugli obblighi delle imprese in tema di sicurezza. Per i lavoratori a domicilio solo formazione e informazione

Il domicilio non è «luogo di lavoro» ai fini delle misure di sicurezza sul lavoro (T. u. approvato dal dlgs n. 81/2008); pertanto non rientra nella valutazione dei rischi.

Ai lavoratori a domicilio, inoltre, il datore di lavoro deve fornire un’adeguata informazione e formazione, ma non quella specifica per primo soccorso e antincendio. Lo precisa la commissione per gli interpelli sulla sicurezza del lavoro nell’interpello n. 13/2013 del Consiglio nazionale degli ingegneri. Nell’interpello n. 11/2013 inoltre, in risposta a Federambiente, la commissione precisa che la formazione dei lavoratori, che ai sensi dell’accordo stato-regioni deve essere sufficiente e adeguata, va riferita all’effettiva mansione svolta dal lavoratore, per cui la durata del relativo corso può prescindere dal codice Ateco (classificazione delle attività economiche adottata dall’ISTAT – ndIMC) dell’azienda.

Interpello n. 13/2013. Con il primo interpello il consiglio nazionale degli ingegneri ha chiesto di sapere se per i lavoratori a domicilio, che risultano dipendenti di un’azienda, ma che hanno come luogo di lavoro la propria abitazione, il datore di lavoro debba fornire a proprie spese tutta l’informazione, la formazione e l’addestramento previsto dal T.u. sicurezza, in particolare la formazione prevista dagli accordi stato-regioni (21 dicembre 2011), nonché la formazione per addetto al primo soccorso e per addetto all’antincendio. Inoltre, ha chiesto di sapere anche se l’abitazione del lavoratore sia da considerarsi a tutti gli effetti un «luogo di lavoro» così come definito dal T.u. sicurezza e, pertanto, debba essere oggetto di valutazione dei rischi da parte del datore di lavoro.

Il lavoro a domicilio, spiega la commissione, può essere svolto sia in forma subordinata sia in forma autonoma. Il primo caso si verifica quando il lavoratore è tenuto a osservare le direttive impartite dall’imprenditore circa le modalità di esecuzione, le caratteristiche e i requisiti del lavoro che deve essere svolto; il vincolo di subordinazione, invece, non sussiste qualora il lavoratore a domicilio organizzi e conduca il lavoro in maniera autonoma. Dal punto di vista della tutela della sicurezza sul lavoro, aggiunge la commissione, il T.u. stabilisce che «ai lavoratori a domicilio e ai lavoratori che rientrano nel campo di applicazione del contratto collettivo dei proprietari di fabbricati, trovano applicazione gli obblighi di informazione e formazione». A tali lavoratori inoltre «devono essere forniti i necessari dispositivi protezione individuali in relazione alle effettive mansioni assegnate».

Alla luce di tanto, la commissione precisa che il datore di lavoro è tenuto a fornire un’adeguata informazione e formazione nel rispetto di quanto previsto dal citato accordo stato-regioni del 21 dicembre 2011 e non anche quella specifica per il primo soccorso e antincendio; e che il domicilio non è considerato luogo di lavoro, ai sensi della disciplina della sicurezza sul lavoro.

Interpello n. 11/2013. Con altro interpello la Federambiente ha chiesto di sapere se la durata e i contenuti della formazione dei lavoratori, prevista dall’accordo del 21 dicembre 2011, possano prescindere dall’appartenenza a uno specifico settore Ateco e possano essere tarati sull’effettiva condizione di rischio che si rileva, per ciascuna attività lavorativa, a valle del processo di valutazione. La risposta della commissione è affermativa: la formazione deve essere «sufficiente e adeguata» e riferita all’effettiva mansione svolta dal lavoratore, considerata in sede di valutazione dei rischi. Pertanto la durata del corso può prescindere dal codice Ateco di appartenenza dell’azienda e, di conseguenza, anche i relativi contenuti.

Autore: Daniele Cirioli – ItaliaOggi (Estratto articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.