Opinione della Settimana

Anche i carrelli elevatori dovranno avere la targa

Un carrello elevatore dotato di targa, vetri, clacson e frecce al pari di un’auto? Potrebbero essere costrette a sopportare anche questo aggravio di costi e burocrazia, le aziende italiane che si affannano a tamponare la crisi. Perché una delle ultime trovate normative per rendere più difficile la vita delle imprese – segnalata da Confindustria Prato come vicenda “tragicomica” che calpesta “il più elementare buonsenso” – riguarda proprio i carrelli elevatori usati dalle aziende per spostare la merce all’interno dello stabilimento e, spesso, per caricarla o scaricarla dai camion in arrivo e in partenza.

Carrello elevatore ImcUn decreto del 1989 stabiliva che i carrelli elevatori che saltuariamente e per brevi tratti debordassero dagli spazi aziendali per muoversi in strada (il caso tipico del camion da scaricare in assenza di un piazzale privato adeguato) potessero farlo con un semplice permesso di circolazione annuale rinnovabile. Niente immatricolazione e niente targatura, ovviamente, come buonsenso vuole.

Da giugno 2013, però, una circolare della Direzione generale per la Motorizzazione ha stabilito che tutti i carrelli, per circolare in strada anche per pochi metri, debbano essere immatricolati e targati. La stessa circolare, e ulteriori comunicazioni del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, vanno addirittura oltre, stabilendo per l’immatricolazione caratteristiche tecniche – vetri, clacson, frecce, limiti di emissione di rumore – che, segnalano gli industriali di Prato, “imporranno a costruttori e possessori di carrelli adeguamenti pesanti e costosi“. E che oltretutto, nonostante minuziose prescrizioni, lasciano ancora adito a dubbi a causa di contraddizioni con altre disposizioni normative in essere.

Confindustria Prato ha scritto ai parlamentari dell’area chiedendo un intervento su questa materia per tornare all’originario buonsenso e mandare in soffitta l’accanimento burocratico. A meno che non si stia pensando di usare i carrelli elevatori per una originale gara su strada dal sapore industriale.

Autore: Silvia Pieraccini – Il Sole 24 Ore (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.