Opinione della Settimana

Redditometro: le spese d’impresa e dei professionisti

Il Redditometro non riguarda le spese esclusive per l’attività dell’impresa o del professionista ma include quelle per beni ad uso promiscuo come le auto aziendali, il computer e il cellulare: ecco i dettagli

Euro - Banconote (2) ImcNon rientrano nel Redditometro le spese sostenute dalla persona fisica per beni e servizi destinati ad attività d’impresa o esercizio di arti e professioni: lo ha stabilito il DM sul Redditometro 2013, ma attenzione ai beni ad uso promiscuo, per i quali la situazione è più complessa. Vediamo come imprenditori e liberi professionisti devono considerare le proprie entrate ai fini del Redditometro.

Spese di lavoro

Il comma 2 dell’articolo 2 del decreto sul Redditometro esclude dall’accertamento sintetico le spese aziendali e professionali: «Non si considerano sostenute dalla persona fisica le spese per i beni e servizi se gli stessi sono relativi esclusivamente ed effettivamente all’attività di impresa o all’esercizio di arti e professioni, sempre che tale circostanza risulti da idonea documentazione». La norma parla dunque di beni “esclusivamente ed effettivamente” utilizzati nell’attività di impresa o professionale, esplicitando un criterio abbastanza stringente. Per esempio, non rientrano nel Redditometro spese come l’acquisto di un macchinario utile all’impresa o le spese dello studio professionale dell’avvocato.

Spese per beni ad uso promiscuo

Per i beni di uso promiscuo, il discorso è essere più complicato. Si pensi all’auto aziendale. In buona parte sarà da considerare fra le voci del Redditometro: in questo caso bisogna infatti applicare l’art. 164 del Tuir, che prevede una quota di deducibilità (inerente l’utilizzo anche professionale dell’auto) del 20% (era al 40%, ma è stata ridotta prima al 27,5% dalla Riforma del Lavoro e successivamente al 20% dalla Legge di Stabilità 2013). Significa che le spese relative alla parte restante (80%) sono fiscalmente da attribuire alla persona fisica, rientrando quindi nel Redditometro.

Ricordiamo che, sempre per disposizione del Tuir, nel caso di esercizio di arti e professioni in forma  individuale, la deducibilità è ammessa, sempre nella misura del 20%, limitatamente ad un solo veicolo. Sono diversi i casi di autovetture date in uso promiscuo ai dipendenti (qui la deducibilità è molto più alta, al 70%), o per quelle di agenti e rappresentanti (deducibilità all’80%).

Altre tipologie di beni mobili, come il pc o il telefono, in genere sono deducibili al 50%. Comunque, valgono tutte le precedenti leggi in materia di trattamento fiscale dei beni dati in uso ai dipendenti, o utilizzati dai professionisti per le loro attività. La regola da tener presente è che tutto quello che non rientra nel reddito d’impresa o nelle relative deduzioni è da considerarsi reddito del singolo, e quindi rileva ai fini del Redditometro. Per imprenditori e lavoratori autonomi, infine, attenzione alladeguamento del reddito d’impresa all’effettiva capacità di spesa del contribuente. In sostanza, se l’unica fonte reddituale di un soggetto è determinata dal reddito d’impresa, il Fisco tiene conto del fatto che il reddito reale finanziario disponibile può essere diverso da quello dichiarato ai fini fiscali (circolare Agenzia delle Entrate 25/E/2012, risposta al quesito 8.1, sul nuovo accertamento sintetico). Sempre per imprenditori e autonomi, un eventuale accertamento da Redditometro blocca poi la possibilità di fare altri accertamenti sintetici, come ad esempio gli studi di settore.

Autore: Barbara Weisz – PMI.it (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.