Opinione della Settimana

Rete per la Mobilità Nuova: Sui 30 all'ora in città patto con ACI e ANIA

30 all'ora - Zona Trenta ImcLa misura “salva vita” cementa una nuova alleanza

Per fermare le stragi sulle strade si alleano la Rete per la Mobilità Nuova (cartello di oltre 150 associazioni), Aci e Ania. Primo obiettivo – da raggiungere nel nuovo Codice della Strada, ma anche da anticipare con ordinanze emesse direttamente dai sindaci – la riduzione a 30 km/h del limite all’interno delle aree urbane (o comunque la creazione di estese “Zone 30”). Una misura di civiltà e “salva vita” perché, come certifica l’Organizzazione Mondiale della Sanità, una riduzione del 5% della velocità media sulla rete viaria di una nazione può portare automaticamente alla riduzione di un terzo degli incidenti stradali mortali.

Pendolari, pedali e pedoni

Così, mentre l’Aci aveva già firmato un impegno con Legambiente «per promuovere politiche di moderazione della velocità in ambito urbano», ora anche l’Ania – che associa le compagnie assicurative – concorda sulla validità delle misure di “rallentamento” delle auto in città. Di questo si parlerà oggi, dalle 9.30, in un dibattito promosso dalla Rete per la Mobilità Nuova presso la sede dell’Aci in via Marsala 8 a Roma. Con l’occasione saranno presentate le proposte di modifica al Codice della Strada elaborate da parte delle associazioni e verranno presentati i risultati della raccolta di firme lanciata lo scorso luglio, che è andata a gonfie vele. Intanto sono saliti a sette i capoluoghi di provincia italiani che hanno messo un freno alla velocità (Torino, Udine, Reggio Emilia, Ferrara, Catanzaro, Arezzo e Caserta); mentre la prima città ad aver introdotto il limite di 30 km/h su tutto il territorio comunale è stata Saronno all’inizio del 2011. L’esperienza torinese del quartiere Mirafiori ha dato risultati incoraggianti: incidenti ridotti al minimo e qualità della vita dei residenti nettamente migliorata.

Le esperienze all’estero

La prima città al mondo a introdurre il limite di 30 km/h sull’80% delle proprie strade è stata nel 1992 l’austriaca Graz. Parigi ora ha annunciato che entro fine autunno 560 km di strade saranno a 30 o 20 km/h. A Berlino le Zone 30 coprono circa l’80% delle strade secondarie; mentre a Londra ci sono più di 400 Zone 30 (l11% della rete cittadina).

E venerdì a scuola ci si va in bicicletta

Venerdì 29 novembre in contemporanea a Roma, Milano, Bologna, Napoli e Caserta si terrà il primo “Bike to School Day”, nel quale genitori e bambini andranno a scuola e torneranno a casa pedalando. Un’iniziativa già diffusa in molte realtà, ma che ora si vuole rilanciare da evento occasionale ad appuntamento quotidiano. L’idea della Giornata nazionale è partita dall’esperienza milanese dove i cicloattivisti hanno dato vita alla “Massa marmocchi”, festoso corteo di bimbi in bicicletta.

Fonte: Metronews (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.