Opinione della Settimana

Malasanità, proposta shock delle Regioni: anche i malati paghino l’assicurazione contro i rischi da trattamento sanitario

Medical Malpractice - Malasanità ImcContenzioso sulla responsabilità del personale sanitario: le Regioni propongono l’«assicurazione del malato». Un’idea shock che prevede, se non si può identificare un responsabile della malpractice, il versamento da parte dei cittadini di un contributo per assicurarsi contro il rischio di esiti indesiderati da trattamento sanitario (in Francia il fondo assicurativo è finanziato così), realizzato, in analogia a quanto avviene per l’Inail, a livello nazionale, ma gestito dai servizi sanitari regionali visto che la materia rientra nell’assistenza sanitaria-tutela della salute dei cittadini. E sempre per i contenziosi secondo le Regioni è necessaria una gestione locale (soprattutto extragiudiziale) e, se il cittadino non è soddisfatto, può ricorrere all’organismo di mediazione per tentare la conciliazione prima di andare in giudizio.

Per le Regioni insufficienti le previsioni del decreto Balduzzi

Sono le proposte «nazionali» che chiudono un documento dettagliato messo a punto dalle Regioni per la loro audizione in commissione Affari sociali della Camera dove si stanno discutendo, appunto, i provvedimenti sulla responsabilità del personale sanitario. Una rivoluzione dei percorsi fin qui disegnati, anche perché le Regioni giudicano nel documento “insufficienti” le ultime previsioni della legge 182/2012 (decreto Balduzzi) che presentano limiti e profili di incostituzionalità.

Cosa fare nelle aziende sanitarie

Nel documento le Regioni indicano i percorsi da realizzare nelle aziende sanitarie, dividendoli in cinque punti.

Il primo prevede la cogestione amministrativa, medico-legale e assicurativa del contenzioso e la creazione di un osservatorio aziendale dei sinistri. Il medico legale interno all’azienda deve espletare tutte le attività necessarie e per questo non vanno bene le consulenze esterne, stabili o, peggio, occasionali, perché un professionista che non appartiene alla struttura sanitaria. Il medico legale del Ssn ha quindi, tra gli altri, anche il compito di rendere “accettabile” ai colleghi clinici il percorso: non si tratta di “avere ragione“, di “vincere” nei procedimenti penali e/o civili, di minimizzare a tutti i costi l’entità dei risarcimenti ai pazienti danneggiati perché considerati “immancabilmente pretestuosi“, ma di “compensare” equamente le persone che ne hanno diritto, ogni volta che si procura loro un danno per l’attività sanitaria (responsabilità civile contrattuale). Questo non implica necessariamente un giudizio negativo verso i professionisti o una condanna per l’organizzazione, ma dovrebbe rappresentare secondo le Regioni uno stimolo verso il miglioramento e la prevenzione di eventuali ripetizioni dello stesso evento avverso. E lo stesso vale per il servizio legale e assicurativo aziendale.

Il secondo punto prevede la raccolta di report tempestivi sull’accaduto e l’attività di consulenza medico-legale strutturata a favore dei clinici in ogni ambito, possibilmente sulle 24 ore, visto che le attività assistenziali sono rese continuativamente.

Al terzo punto c’è l’analisi approfondita delle cause e la valutazione medico-legale con garanzia di onestà e trasparenza verso i cittadini per una «composizione equa e tempestiva della vertenza». Questo presuppone la raccolta di tutta la documentazione sanitaria relativa e di ogni elemento utile alla formulazione di una valutazione corretta del caso e degli eventi, anche se si tratta di certificazioni non prodotte in quella occasione, ma antecedenti e successive.

Quarto aspetto la promozione di iniziative di prevenzione dei conflitti con la modifica dei percorsi assistenziali e la formazione continua del personale (sulla comunicazione efficace con le persone interessate, sull’acquisizione di un valido consenso informato, sulla corretta tenuta delle cartelle cliniche e della documentazione sanitaria in genere ecc).

E infine va prevista la diffusione della cultura della sicurezza anche attraverso l’utilizzo di linee guida, protocolli, procedure e la diffusione di best practices.

Le necessità di sviluppo

Il documento indica poi l’esigenza di assicurare omogeneità, per qualità e quantità e requisiti minimi di sicurezza e garanzie di efficacia, alle prestazioni erogate su tutto il territorio nazionale. Poi la necessità di individuare percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali costruiti sull’appropriatezza e sulla centralità del paziente con il dovere di procedere con rapidità all’innalzamento dei livelli di sicurezza delle prestazioni attraverso la prevenzione del rischio da medical malpractice. va anche data l’opportunità di aprire il sistema alla cultura della valutazione, puntando sull’utilizzo di indicatori di esito e di valutazione degli obiettivi di salute conseguiti, più che di sommatoria di prestazioni erogate.

Un fondo per i grandissimi rischi

Infine, va creato un fondo per i grandissimi rischi e per le insolvenze, in modo da garantire la tutela delle persone danneggiate da attività sanitaria, introducendo il concetto della responsabilità oggettiva del Ssn.

Autore: Paolo Del Bufalo – Il Sole 24 Ore (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.