Associazioni di Categoria

FONDO PENSIONE AGENTI: QUALI SOLUZIONI?

FPA - Fondo Pensione Agenti (2)Si è svolto ieri a Roma il primo incontro tra le tre rappresentanze degli agenti professionisti di assicurazione (Anapa, Sna, Unapass), l’Ania e il CdA del Fondo Pensione Agenti. Al centro del confronto è stata posta l’analisi della situazione di squilibrio finanziario, valutato in circa 800 millioni di euro, che emerge in applicazione ai nuovi criteri di previsione che la legge ha previsto per i fondi pensione. Il Consiglio di amministrazione del FPA ha presentato anche un piano di riequilibrio finanziario sul quale tutte le parti sociali presenti hanno concordato di riaggionarsi entro i prossimi 20 giorni.

Ad incidere sul forte squilibrio finanziario del Fondo Pensione Agenti sembrerebbe aver concorso più di un fattore, oltre ai nuovi criteri contabili previsti dal legislatore e agli andamenti finanziari del mercato, come l’approvazione di quattro significativi aumenti delle prestazioni negli anni ’80 e ’90 senza alcun aumento proporzionale dei versamenti; infatti, il fondo eroga attualmente prestazioni pensionistiche la cui entità troverebbe giustificazione tecnica solamente con montanti doppi o tripli rispetto a quelli effettivamente versati.

Trattandosi di un fondo pensione a prestazione definita, è stata trasferita sui contributi delle nuove generazioni una quota di solidarietà sempre più consistente. Tra le varie casistiche presentate ha colpito il caso di un pensionato che a fronte di un montante dei contributi versati di poco superiore a 4.000 Euro, ha percepito a tutt’oggi una somma superiore a 26.000 Euro.

Il Fondo Pensione Agenti eroga complessivamente prestazioni previdenziali a 10.551 pensionati e riceve contributi da 15.714 agenti attivi; nell’ultimo decennio il numero degli agenti attivi si ė ridotto di circa 3.000 unità e colpisce il gap tra il numero degli agenti aderenti al fondo pensione – 15.714 – e gli agenti iscritti nella sezione A del registro Ivass, attualmente 26.298. Ci si domanda se ci sia uno scarso appeal del fondo, se gli agenti gestiscano la propria previdenza complementare attraverso altri strumenti o se vi siano ulteriori motivazioni. Sul tavolo ci sono diverse opzioni e bisognerà che le parti sociali trovino una soluzione condivisa da sottoporre a Covip entro il prossimo mese di giugno (è stato prorogato il termine per la presentazione, inizialmente previsto per il 21 febbraio p.v.).

Questa volta – ha affermato il presidente di Unapass Massimo Congiu, presente all’incontro come parte sociale – non c’è molto tempo, ma prendiamoci tutto quello che rimane a disposizione per trovare una soluzione che sia veramente definitiva, perchè sia i colleghi già pensionati che quelli ancora attivi hanno bisogno di certezze e le compagnie devono fare veramente la loro parte mettendo mano al proprio portafoglio“.

Intermedia Channel

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaNews

Covid19: ANAPA e sindacati dipendenti di agenzia scrivono al Governo per chiedere il vaccino

L’appello: «Abbiamo sempre garantito il servizio, rischiando, in ogni fase della pandemia.
Leggi di più
Associazioni di CategoriaIn EvidenzaNews

L'assemblea dell'Associazione per la previdenza e assistenza complementari, Sergio Corbello rieletto Presidente di Assoprevidenza

– Il nuovo Comitato direttivo 2020/2023– Incentivi fiscali alla riqualificazione…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.