Opinione della Settimana

Pip “nuovi”: Covip, metà dei reclami per i trasferimenti

COVIP RettangolareDifficoltà di trasferimento dai piani pensionistici individuali (Pip). È uno dei temi più caldi degli esposti inviati alla Covip, l’authority di vigilanza della previdenza integrativa. Stiamo parlando di Pip “nuovi” ovvero quelli che sono stati adeguati alla riforma 252/2005. «Gli esposti relativi ai Pip nuovi hanno riguardato soprattutto le problematiche incontrate in relazione a richieste di trasferimento (quasi il 50%)», è quanto si legge nell’ultima relazione Covip (2012).

Chi fa l’esposto si lamenta soprattutto dei tempi «eccessivamente lunghi e richieste di documentazione di non immediata evidenza quanto a utilità o necessità». Fra l’altro gli stessi funzionari Covip, nella relazione, sottolineano la prassi di alcune compagnie di richiedere, al fine del trasferimento, l’originale della polizza.

Le difficoltà nell’uscita dai Pip è dunque conclamata pure dall’authority di settore. A sostegno di tale tendenza ricordiamo che i lettori di Plus24 segnalano specialmente le problematiche temporali: in sostanza viene indicato uno sforamento dei 6 mesi, termine massimo previsto dalle normative che regolano le forme di previdenza complementare (vedi linee guida sulla portabilità, http://bit.ly/1mcCywU).

C’è poi dell’altro. «Rimane rilevante – viene spiegato nella relazione Covip – il numero di segnalazioni riguardanti Pip “vecchi” e polizze assicurative non riconducibili a forme di previdenza complementare». È inutile inviare esposti all’authority della previdenza per ritardi e difficoltà relative ai Pip “vecchi“: a vigilare (e sanzionare) tali prodotti ci pensa l’Ivass, authority che si occupa delle assicurazioni.

A questo punto conviene illustrare in modo chiaro i passi da fare per inviare reclami/esposti e a quale authority. Covip vigila su tutto il mondo della previdenza integrativa: fondi pensione negoziali, aperti, preesistenti e Pip “nuovi“. Ma prima di inviare l’esposto all’authority presieduta da Rino Tarelli, è necessario rivolgersi al fondo pensione o al Pip cui si aderisce. Bisogna inviare un reclamo e il fondo o Pip deve rispondere entro 45 giorni dal ricevimento della richiesta. In caso di mancata o non soddisfacente risposta , ci si può rivolgere alla Covip con un esposto; nel documento vi deve essere la chiara indicazione del fondo pensione interessato (denominazione, numero di iscrizione all’albo dei fondi pensione). E ancora: l’indicazione del soggetto che trasmette l’esposto (nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico); l’oggetto dell’esposto, indicato in modo chiaro e sintetico. Infine bisogna inviare copia del reclamo già effettuato al fondo o alla compagnia che gestisce il Pip (per ulteriori chiarimenti vedi http://bit.ly/1eSgEv5).

Per i Pip “vecchi“, bisogna invece rivolgersi all’Ivass; prima però è necessario inviare il reclamo alla compagnia assicurativa: se non vi è risposta entro 45 giorni dal ricevimento del reclamo, il cliente può rivolgersi all’Ivass utilizzando il facsimile da scaricare al seguente indirizzo internet: http://bit.ly/1lIWjZm.

Autore: Vitaliano D’Angerio – Il Sole 24 Ore

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.