Opinione della Settimana

Rc auto meno cara, ma sempre cara. E dalla Bulgaria arriva l’ultima proposta-truffa

Le tariffe Rc auto stanno scendendo. Non lo dicono le compagnie, poi prontamente rintuzzate dalle associazioni dei consumatori: il copione è stato spezzato da uno studio presentato l’altro ieri dai broker e comunque tutti sanno che il calo c’è ma è dovuto in buona parte alla crisi, che ha fatto crollare il numero di incidenti denunciati. In ogni caso – come ha detto alla presentazione il direttore generale della Consap, Paolo Panarelli – il prezzo della Rc auto è un po’ come la temperatura percepita e gli italiani di sicuro non lo percepiscono come basso (anche perché resta il più alto d’Europa, come hanno rilevato l’Antitrust prima e ora uno studio Boston Consulting commissionato dalle compagnie).

Rc Auto - Tariffe (3) ImcProprio per questo la gente è ancora attratta da improbabili scorciatoie per risparmiare. In questi giorni arriva la notizia di un’offerta molto insidiosa: polizze delle Generali, ma provenienti dalla Bulgaria, a prezzo stracciato. Non ho ancora capito se siano false (come quelle di tante compagnie fantasma viste soprattutto negli ultimi anni) o se siano vere. Ma il risultato è lo stesso: chi compra una polizza del genere risulterà comunque non assicurato, quindi andrà incontro alle pesanti sanzioni del caso e al dover pagare di tasca propria i danni in caso d’incidente.

Non bisogna fidarsi di chi garantisce che sono polizze valide, perché non possono esserlo su veicoli con targa italiana: è obbligatorio che siano emesse da una compagnia in qualche modo autorizzata a operare in Italia. Per essere sicuri che lo sia, l’unico modo è controllare l’elenco ufficiale sul sito dell’autorità di vigilanza, l’Ivass. E la filiazione bulgara delle Generali non lo è: il gruppo aveva avviato anni fa le pratiche per far autorizzare in Italia alcune controllate estere, ma poi è tornato sui suoi passi. Se anche le polizze di cui stiamo parlando fossero vere, il fatto che vengano offerte in Italia è frutto dell’eccessiva intraprendenza di qualcuno e non di una politica del gruppo.

Non fidatevi nemmeno se vi dicono che c’è la carta verde: quella serve solo per viaggiare all’estero. E per estero s’intende un Paese diverso da quello d’immatricolazione del veicolo (l’Italia, nel nostro caso), non da quello di emissione della polizza (la Bulgaria, nel nostro caso).

Autore: Maurizio Caprino – Strade sicure (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.