Opinione della Settimana

Aci nella spending con la cedola Sara Assicurazioni

ACI HiResLa controllata assicurativa, Sara Assicurazioni, anche quest’anno si prepara a staccare una buona cedola all’azionista principale, l’Automobile Club d’Italia che, nonostante ciò, sembra però destinata a finire nella spending review che sta mettendo a punto il commissario Carlo Cottarelli. L’Aci ha il 54,5% delle azioni di Sara (il 32% è di Reale MutuaGenerali partecipa con il 14%), e il bilancio 2013 dell’assicurazione guidata da Alessandro Santoliquido si è appena chiuso con un utile lordo di 79,6 milioni, e un risultato netto di 44,1 milioni. Il terzo anno consecutivo in positivo per Sara Assicurazioni che da problema per l’azionista, dopo il risanamento, è ora diventata un’ottima fonte di guadagno per l’Automobile club. Nel 2013 la compagnia ha registrato una raccolta Danni di 595 milioni, in calo del 2,6% mentre il resto del mercato fletteva del 4,6%. E il combined ratio, l’indice che rappresenta il rapporto tra sinistri e premi incassati, è migliorato dal 96,1 al 92,1%. Mentre la nuova produzione Vita è stata di 32,6 milioni, il 17,7% in più rispetto al 2012. Numeri abbastanza positivi da consentire al consiglio di amministrazione di proporre all’assemblea un dividendo di 25 milioni. Di questi 13,6 milioni, ovvero il 54,4%, finiranno proprio nelle tasche dell’Aci.

Nel frattempo però l’Automobile Club è finito sulla scrivania di Cottarelli che starebbe analizzando in particolare i risparmi che potrebbero derivare dalla fusione tra l’archivio tenuto attualmente dalla Motorizzazione civile e quello del Pubblico registro automobilistico, che è appunto sotto la responsabilità dell’Aci. Un riordino che appare però piuttosto complicato e su cui si sono arresi già diversi governi. Ma tra le schede illustrate da Cottarelli al premier Matteo Renzi ci sarebbe anche questa e forse potrebbe essere la volta buona visto che di recente dall’Automobile Club hanno fatto sapere di essere favorevoli all’archivio unico, e propensi a gestire a costo zero anche l’archivio della motorizzazione civile. In particolare l’Aci si è dichiarata «disponibile da subito a collaborare a questo processo, mettendo a disposizione la propria esperienza, il know-how e la sua rete sul territorio».

Autore: Anna Messia – Milano Finanza (Estratto articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.