Opinione della Settimana

Fondi pensione, il primo trimestre chiude al 2%

Il bilancio da gennaio degli organismi di categoria. Da gennaio ad oggi le casse di categoria hanno offerto un rendimento cinque volte più alto rispetto al Tfr (0,4%), colpito dalla bassa inflazione. Le iscrizioni non decollano, complice la crisi e la sfiducia. I vantaggi e i rischi da considerare

La pensione di scorta comincia bene il 2014. Nei primi tre mesi dell’anno è stato pari al 2% il rendimento medio offerto dai fondi pensione negoziali, aziendali o di categoria. Il Tfr (il 6,91% della retribuzione lorda) nello stesso periodo ha reso invece lo 0,4%, al netto dell’aliquota dell’11%. La liquidazione mantenuta in azienda si rivaluta con un tasso dell’1,5%, più il 75% dell’inflazione.

Nei primi tre mesi del 2014 tutte le linee d’investimento hanno ottenuto risultati positivi. Le migliori sono state due garantite (che in determinati casi assicurano un rendimento minimo annuo o la restituzione dei contributi versati): quella di Byblos (settore cartario e aziende grafiche) con il 4,6% e l’analoga di Cometa con il 4,3%.

La previdenza integrativa stacca il Tfr anche nel lungo termine: fra il primo gennaio 2000 e il 31 marzo scorso, infatti, tutti i tre fondi maggiori esistenti all’inizio del periodo considerato hanno battuto nettamente il 46,5% della liquidazione. Il migliore è stato Fondenergia (energia e petrolio) con il 60%, seguito da Cometa (industria metalmeccanica e orafa) con il 55,4% e Fonchim (chimica e farmaceutica) con il 54,2%. Mentre i contributi ai fondi pensione cominciano a maturare rendimenti sin dal momento del versamento, la rivalutazione del Tfr mantenuto in azienda riguarda solo l’importo maturato al 31 dicembre dell’anno precedente. Questo meccanismo determina una differenza di circa lo 0,2% a sfavore del Tfr.

Raccolta premi (4) ImcAlternative

La previdenza integrativa non è l’unico strumento a disposizione, ma può aiutare a compensare la minore copertura che sarà offerta dalla pensione. Bisogna però scegliere attentamente la linea d’investimento, che dev’essere adeguata alla situazione personale, e valutare le spese. Da questo punto di vista i fondi negoziali — che però non sono aperti a tutti — risultano competitivi: l’indicatore sintetico dei costi, elaborato secondo le regole stabilite dalla Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione) per un periodo di dieci anni è pari in media allo 0,4% all’anno.

Malgrado i rendimenti positivi, però, il sistema stenta decisamente a decollare: i fondi negoziali, in particolare, a causa della crisi dell’occupazione accusano addirittura un leggero calo degli iscritti. «Per il settore due temi sono all’ordine del giorno — sottolinea Raffaele Capuano, direttore generale della Covip —. La crescita delle adesioni, eventualmente attraverso meccanismi semi-obbligatori con possibilità di uscita, e una maggiore destinazione degli attivi verso l’economia italiana, in particolare verso le Pmi. Queste possibilità saranno rafforzate dal nuovo decreto sugli investimenti che dovrebbe essere varato in tempi brevi».

Per analizzare le opportunità d’investimento nell’economia reale, la Covip ha incontrato nei giorni scorsi i vertici dei principali fondi pensione e della Cassa depositi e prestiti, disponibile a realizzare strumenti finanziari dedicati alla raccolta del risparmio previdenziale. «La condizione attuale offre opportunità d’investimento tali da collegare la redditività dei fondi con lo sviluppo economico nazionale — sottolinea il presidente della Covip Rino Tarelli. In ogni caso si deve tener conto di due elementi fondamentali che caratterizzano i fondi pensione: l’autonomia gestionale e la loro missione prioritaria, assicurare agli iscritti una pensione integrativa di quella di base», aggiunge Tarelli.

Autore: Roberto E. Bagnoli – CorrierEconomia

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.