Opinione della Settimana

Remunerazione, nuove fee per i promotori finanziari

“È il momento di formalizzare la remunerazione della consulenza”. “La management fee deve essere disaggregata in più parti”. “Serve anche un riconoscimento formale della proprietà del portafoglio dei promotori finanziari”

Promotori finanziari - Remunerazione - Incentivi ImcL’attività del promotore finanziario si è profondamente modificata negli anni: è cambiata e si è arricchita di funzioni, ruoli e competenze. Anche il contratto che regola il rapporto di lavoro con le società mandanti deve ora prendere in considerazione queste evoluzioni. I tempi sono maturi per affrontare questi argomenti e confrontarsi su temi come la remunerazione e il portafoglio dei promotori finanziari“. Con queste parole Maurizio Bufi, presidente Anasf, annuncia la diffusione della proposta di Contratto “europeo” di promozione finanziaria dell’associazione e anticipa in esclusiva su Advisoronline.it alcune delle novità contenute nel documento che sarà reso pubblico entro la prima metà della settimana prossima e che aprirà sicuramente un dibattito sul futuro della professione.

Il testo è molto articolato e le novità introdotte sono tante“, chiarisce subito il presidente Anasf che si augura che la diffusione della “proposta” di contratto sia “occasione per avviare un dibattito costruttivo e pragmatico sull’accordo economico di categoria“. Un dibattito che sarà scatenato da molti punti del contratto tra i quali Bufi indica il delicato tema della remunerazione e del portafoglio dei promotori finanziari.

Certamente tra i temi più rilevanti della nostra proposta di contratto ci sono la ridefinizione della remunerazione e del portafoglio dei promotori“, spiega subito il presidente Anasf che annuncia un’importante novità: “Qualora ce ne fossero le condizioni e qualora ci fosse con le società un accordo in questo senso, riteniamo importante che un contratto preveda la remunerazione della consulenza generica, un’attività che oggi il promotore finanziario svolge per conto della società mandante e per questo tale attività dovrebbe essere remunerata“. Un concetto, quest’ultimo, che comporta inevitabilmente la ridefinizione delle tradizionali fee. E in particolare la ridefinizione di quella che oggi è la voce principale della remunerazione di un promotore finanziario: la management fee.

Tra le varie ipotesi introdotte nella nostra proposta c’è anche quella relativa ad una suddivisione della management fee: questa commissione oggi deve essere legata a quelle che sono le effettive mansioni del promotore finanziario“, spiega Bufi evidenziando così l’importanza di disaggregare la futura management fee, oggi limitata a considerare solo un aspetto del lavoro del pf.

Oggi è fondamentale considerare tutte le varie sfaccettature dell’attività del promotore finanziario, dal collocamento alla consulenza. Questo è il concetto alla base della nostra proposta, questo è l’incipit che ci ha portato a disaggregare le origini della remunerazione“, sottolinea il presidente Anasf. “La nostra attività si alimenta di varie funzioni, di varie parti, ognuna di queste deve essere, dal nostro punto di vista adeguatamente remunerata“, da qui la scelta di scomporre in più parti anche la management fee che, da sola, non è più rappresentativa del lavoro svolto dal promotore finanziario.

Bufi sottolinea a più riprese che il contratto che l’Anasf renderà pubblico è una proposta sulla quale sarà importante e utile avviare un confronto e un dibattito che deve avere come obiettivo quello di “individuare forme di remunerazione più coerenti con quella che è l’attuale e la reale attività del professionista“. Un professionista che dovrebbe ricevere, secondo quanto indicato nella proposta di contratto Anasf, anche maggiori tutele in tema di portafoglio. Un tema molto delicato che vede spesso un confronto aperto tra pf e società su chi sia il reale proprietario del portafoglio.

Autore: Francesco D’Arco – Advisor Online (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.