Opinione della Settimana

Assicurazioni, da Carige richiesta danni milionaria

A giorni l’azione di responsabilità contro Menconi e Berneschi

CARIGE VITA NUOVA Sede Genova IMCIl dossier, preparato da un tandem di studi legali romani, è stato ultimato e sarà presentato in tribunale nei prossimi giorni: Carige è pronta a chiedere i danni a Ferdinando Menconi, ex capo del comparto assicurativo, e a Giovanni Berneschi, leader supremo della banca per 25 anni. L’azione di responsabilità è stimata in decine di milioni di euro. Nel mirino non ci sono solo i danni provocati dalle compravendite truffa (in cui la vittima è quasi sempre Carige Vita Nuova), ma anche aspetti finora ignorati dall’inchiesta, come le «gravi irregolarità» contabili già segnalate dall’Isvap (ente regolatore del settore) sulla gestione di Carige Assicurazioni e che sarebbero stati coperti al consiglio d’amministrazione. In particolare i danni milionari liquidati a clienti inesistenti e alcune consulenze sospette date a parenti della “banda Berneschi”.

Ma di quanti soldi si parla? A quanto ammonta la richiesta di risarcimento nei confronti della coppia Berneschi-Menconi? L’azione di responsabilità comprende in considerazione i danni patrimoniali accollati Carige Vita Nuova con le scorribande immobiliari della cricca (anche quelle penalmente prescritte): l’acquisto della Portorotondo Gardens (complesso immobiliare di Padova comprato dal faccendiere Ernesto Cavallini a 650mila euro e rivenduto nello stesso giorno alla compagnia a 8,9 milioni); la cessione di un edificio in via Salomone, a Milano, alla Salomone srl; la spericolata avventura che ha portato ad accaparrarsi gli hotel Mercure di Milano e Pisana di Roma (pagati da Cavallini 28 milioni e rifilati a Carige Vita Nuova a 70). Su questo filone ieri la Procura ha interrogato A.F., commercialista di Cavallini.

C’è poi la questione Carige Assicurazioni e su questo il team legale assoldato da Carige fa un salto in avanti e prospetta azioni di responsabilità anche in assenza di misure cautelari specifiche. E in questo capitolo che è contenuto lo strano caso di Filadelfo Arcidiacono, misterioso (e fortunatissimo) cliente che a leggere i libri contabili della società avrebbe ottenuto 39 milioni di euro di risarcimenti. Il vecchio management minimizzò, parlando di «artificio contabile». I nuovi dirigenti non sembrano per nulla convinti di quella versione. I danni chiesti, insomma, potrebbero essere decine di milioni di euro. E nel conto finale verranno messi anche le varie ricapitalizzazioni costate lacrime e sangue.

Autore: Marco Grasso – Il Secolo XIX (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.