Opinione della Settimana

Bari: Truffe, vandali e buche, “Così le assicurazioni sono le più care d’Italia”

Tariffe triplicate. Per la stessa auto 279 euro a Milano, 714 a Taranto “Alto il numero di furti e incidenti, pessimo lo stato delle strade”

A Milano 279 euro, a Taranto 714 euro. Ecco la differenza tra Nord e Sud. Essere automobilisti nel capoluogo lombardo costa molto meno che sulla costa jonica. Chi guida un’utilitaria a Taranto deve pagare tre volte di più. Colpa di truffe, incidenti e strade sconnesse. È la Puglia, insieme con la Campania, la regina delle polizze auto più alte d’Italia. Qui stipulare un’assicurazione per la propria autovettura è un lusso che non tutti possono permettersi. Soprattutto i più giovani neopatentati.

Bari ImcLA QUESTIONE MERIDIONALE – A raccontare le difficoltà economiche degli automobilisti pugliesi sono le cifre. Si parte dal profilo base: uomo, 40 anni, diplomato, al volante di una Ford Focus 1.6 diesel, prima classe di merito, nessun sinistro denunciato negli ultimi 5 anni. Il 40enne se vive a Taranto pagherà 714 euro di Rc auto, la tariffa più alta di tutta la Puglia. Se invece lo stesso conducente si trasferisce a Bari dovrà sborsare qualcosa in meno, circa 640 euro la migliore polizza trovata sul mercato attraverso la stipula online. Sono i dati dell’osservatorio sulle assicurazioni elaborati in un rapporto pubblicato dal gruppo Facile.it. La tariffa più bassa della Puglia si trova a Brindisi, 502 euro. A Foggia, invece, al 40enne alla guida toccherà pagare 684 euro, a Barletta 657 e a Lecce 511. In Puglia, però, sono i più alti d’Italia. Persino guidare nella giungla del traffico romano, ad alta incidentalità per densità di automobili e tamponamenti, costa la metà: nella Capitale il miglior prezzo, per un 40enne con una Ford, è di 375 euro. A Verona si riesce a risparmiare di più fino a 281 euro.

LA PRIMA ASSICURAZIONE – La vera e propria stangata è per i neopatentati alla prima assicurazione. In Puglia, in quasi tutte le città, devono affrontare a soli 19 anni una spesa annua pesante, ben 2.656 euro. Non vale lo stesso per i 19enni milanesi che potranno spendere  –  tariffa calcolata su una Fiat Punto – 1140 euro o per i fiorentini che se la caveranno con 1466 euro. Il problema dell’enorme differenza Nord-Sud è tutto nelle truffe ben documentate dalle ripetute indagini giudiziarie delle procure pugliesi. Incidenti stradali mai avvenuti, sostituzioni di persona in ospedale, pedoni pronti a fare da testimoni a pagamento. Il meccanismo è ben rodato e coinvolge spesso medici, avvocati, automobilisti.

LE FRODI – “È vero, qui il fenomeno delle frodi è più alto che nel resto d’Italia – ammette l’agente di assicurazioni Pasquale Laera che a Bari gestisce tre agenzie a Japigia, Murat e Libertà –. In Puglia abbiamo aree a particolare rischio di truffa, ma quello che può fare un’agenzia non è poco. Se un’agenzia riesce a fare una buona selezione, non assicurando tutti indistintamente, si riesce ad abbassare il rischio truffa. Anche se – ammette l’agente – è capitato che alcuni soggetti ci minacciassero per costringerci a fare l’assicurazione, questi sono danni notevoli che si ripercuotono sulla collettività, pagano i buoni per i cattivi. Ho fatto parte di un gruppo di lavoro al ministero per lo Sviluppo economico per elaborare una proposta che potesse limitare questi episodi, ma non se ne è fatto ancora niente. In Puglia c’è un’incidenza di danni fisici da microlesioni dieci volte superiore a quella europea, è la patria del classico colpo di frusta. La soluzione è tentare quanto più di personalizzare la polizza“.

LA DIFESA DEGLI ASSICURATORI – I titolari delle agenzie di assicurazioni non ci stanno a essere accusati di avere le tariffe più alte. “Negli ultimi due anni le tariffe si sono ridotte dell’11% – spiega Laera – e i clienti che abbiamo acquisito non pareggiano la riduzione, insomma dobbiamo tentare di non rimetterci. Anche perché la crisi influisce sul mercato e sui prezzi, qui molto più che al Nord. A Japigia, per esempio, c’è stata una contrazione di polizze: è l’impatto della crisi, la gente lascia ferma la seconda auto, non assicura più il camper, non usa il motorino, riduce così le spese onerose“. La differenza di costi da provincia a provincia poi ha motivazioni nel tessuto urbano e nella rete stradale di ogni città. “La tariffa è commisurata al rapporto tra sinistri pagati e premi incassati – va avanti l’agente di assicurazioni – ecco perché cambia anche nella stessa Puglia da Bari a Taranto. A Taranto evidentemente ci saranno più incidenti. La struttura urbana è fondamentale, bisogna considerare lo stato delle strade, il traffico caotico, il contesto in cui si guida. A Reggio Emilia per esempio la tariffa è più bassa proprio in funzione di questi elementi“. Così la buca sull’asfalto non fa altro che moltiplicare il premio assicurativo. Con buona pace dell’automobilista. Per non parlare poi del furto-incendio che qui a Bari ha una grossa incidenza per cui chi vuole assicurare la propria vettura contro ladri e piromani dovrà pagare ancora di più che in qualsiasi altra città.

Autore: Francesca Russi – La Repubblica Bari (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.