Opinione della Settimana

Poliziotti senza copertura assicurativa, le compagnie si sfilano

Polizia di Stato (3) ImcPoliziotti senza assicurazione dal 2005. A giugno è andata deserta per la quinta volta in cinque anni l’asta per il bando di gara europea indetto dal ministero dell’Interno per l’affidamento dei servizi assicurativi per la copertura dei rischi e la tutela legale inerenti le responsabilità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali del personale della Polizia di Stato.

A rendere il vuoto che si è venuto a creare ancora più intollerabile ha contribuito agli occhi dei sindacati (sul piede di guerra) la decisione del procuratore della Corte dei Conti che la scorsa settimana ha chiesto un maxirisarcimento da un milione di euro a cinque poliziotti coinvolti nel pestaggio di Marco Mattana, allora minorenne, durante il G8 di Genova del 2001.

La finanziaria del 2004 ha imposto al Viminale di avviare a partire dal 2005 degli accantonamenti di spesa pari inizialmente a 990mila euro proprio allo scopo di garantire la copertura assicurativa mancante. Risultato: il ministero di Alfano ha messo da parte finora oltre 5,4 milioni di euro. Un tesoretto prodotto dall’incapacità d’individuare un operatore cui affidare i servizi in questione nonostante la ricerca vada ormai avanti da nove anni.

Dal 2011 a oggi si contano poi cinque bandi di gara europei. Gare che però sono andate sempre deserte. Dalla loro, i sindacati hanno tentato di colmare la lacuna come potevano. Il Consap per esempio ha proposto gratuitamente ai suoi iscritti una copertura che tutela i danni fino a 8mila euro.

Domani i sindacati di polizia Siulp, Sap, Siap Anfp, Silp Cgil, Ugl Polizia, Coisp, Consap e Uil Polizia scenderanno in piazza a Milano per protestare. In concomitanza con il vertice europeo di tutti i ministri dell’Interno e della Giustizia si terrà nel capoluogo meneghino una manifestazione pubblica che farà sentire il grido di dolore di oltre 94mila poliziotti. Nel mirino gli interventi di contenimento della spesa pubblica. Dal blocco del tetto stipendiale alla preannunciata chiusura di 80 questure e di oltre 300 presidi di Polizia.

Ma, dopo la richiesta di maxirisarcimento giunta dalla Corte dei Conti, si protesterà anche contro il mancato affidamento dei servizi assicurativi per la copertura dei rischi legati allo svolgimento delle attività da parte del personale in divisa.

Autore: Francesco Bisozzi – Il Messaggero (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.