Opinione della Settimana

Treviso: Rc Auto, 38 milioni alla Provincia. «Così manteniamo il carrozzone»

Sant’Artemio riceve dalle assicurazioni un fiume di denaro: che usa per personale, mutui, opere Bottacin attacca Muraro, che si difende: «unica fonte di sostentamento». E accusa Zaia e Regione

Provincia di Treviso - Sant'Artemio Imc

L’ Rc Auto nel 2013 ha fruttato alla Provincia di Treviso ben 38 milioni e 717 mila euro, e nel 2014 si punta ad incassare altri 35 milioni circa, calcolando la flessione registrata già in questo primo semestre in cui comunque Sant’Artemio (sede della provincia di Treviso, nella foto) ha già incamerato quasi 3 milioni (2.991.996 € aggiornato a maggio). Dove vanno questi soldi? Personale, mutui, opere. E scatta durissima la polemica: «Paghiamo l’assicurazione per alimentare un carrozzone che non rende».

A sollevare il polverone il consigliere regionale Diego Bottacin, che incalza: «Già il fatto che nell’assicurazione si nasconda una tassa sui cittadini è sbagliato» dice, «ma che questi soldi piovano sulle casse di un ente che negli ultimi anni ha ridotto al minimo i suoi interventi e usa i soldi per pagare un apparato che, a conti fatti, non fa più il lavoro di prima, è semplicemente assurdo».

La Provincia, in passato, «per essere vicina ai cittadini» aveva ridotto l’aliquota sull’Rc Auto (oggi 11,5%), ma ha continuato ad alimentarsi con i proventi delle assicurazioni ai quali si aggiungono gli incassi dell’Ipt (22 milioni, è una percentuale sulla tassa di immatricolazione, la quota rifiuti (altri 20 milioni) e altre entrate minime. «Queste sono le nostre uniche fonti di sostentamento» risponde piccato il presidente Leonardo Muraro, che prosegue: «Noi un carrozzone? Ma se abbiamo il più basso rapporto tra l’incidenza del personale e il bilancio dell’ente,ci viene riconosciuto anche dalla Corte dei Conti. Non operiamo più come in passato? Vero, ma non è colpa nostra se dal 2006 siamo costretti dai vincoli imposti dallo Stato con il patto di stabilità, gli equilibri, le tasse stesse. Ottimizzare? Tagliare? Ridurre il personale? Magari». E il presidente della Provincia incalza: «Avessi le mani libere, potrei ridurre i costi del personale. L’abbiamo fatto negli ultimi anni riducendo il personale di 100 unità ma si potrebbe fare anche di più».

Autore: Federico de Wolanski – la Tribuna di Treviso (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.