Opinione della Settimana

Torino: Reale Mutua rinuncia all’ascensore sulla Torre Littoria

La compagnia abbandona il progetto e chiede indietro gli oneri di urbanizzazione (240mila euro di oneri)

Torino - Torre Littoria Imc«Ci spiace, noi ci abbiamo provato a fare un regalo a Torino. E sono mesi che sopportiamo le conseguenze, anche economiche, di questa eterna attesa. L’ascensore panoramico sarebbe stato, a nostro parere, una grande opportunità turistica per la città. Non ce lo lasciano fare? Non possiamo procurarci altri danni. Nell’ultimo cda abbiamo accantonato definitivamente il progetto. Abbiamo tenuto per mesi decine di appartamenti sfitti per preparare l’arrivo del ristorante “d’altura”, ora non possiamo più permetterci di aspettare oltre». Chi parla è il direttore generale di Reale Mutua, l’ingegner Luigi Lana. Ha il tono rammaricato di chi avrebbe sul serio voluto vedere correre su un fianco della Torre Littoria (nella foto) quell’ascensore panoramico di cui si parla da anni e che la Soprintendenza guidata dall’architetto Luca Rinaldi aveva bocciato in modo tranchant: «Abbiamo già permesso di inserire scale mobili nel palazzo barocco dell’Egizio, adesso non distruggiamo la Torre Littoria. Siamo Torino, non Dubai».

Ora il risarcimento

In realtà il Comune vedeva di buon occhio sia l’arrivo dell’ascensore panoramico sia la nascita di un ristorante ai piani alti della torre. E la variante necessaria ad ospitare queste novità era stata approvata dalla Sala Rossa. Il progetto prevedeva il bar caffetteria al diciottesimo e diciannovesimo piano, gli ultimi, mentre il futuro ristorante chic con vista panoramica sulla città era stato immagi nato per il settimo e l’ottavo. Il bello è che il Comune aveva già incassato 250mila euro di oneri di urbanizzazione da parte di Reale Mutua. E ora, visto che il progetto è stato bocciato senza appello la compagnia di assicurazione italiana nata a Torino nel 1828 pretende di essere risarcita: «Avanzeremo a settembre la richiesta formale per recuperare almeno gli oneri di urbanizzazione – spiega ancora l’ingegner Luigi Lana – noi ce l’abbiamo davvero messa tutta, e questa eterna attesa di un sì della Soprintendenza ci è già costata troppo in termini di affitti passivi, almeno cerchiamo di rientrare della somma che abbiamo versato per una variante urbanistica che non ha più senso di esistere: non ci sarà più alcun ristorante».

La versione «buia»

L’assessore all’Urbanistica Stefano Lo Russo è molto dispiaciuto: «E’ chiaro che tutti noi avremmo sperato di ottenere il sì di Palazzo Chiablese, peraltro avevamo anche provato a convincere la Soprintendenza attraverso un nuovo progetto che non prevedesse più un ascensore “luminoso”. Neanche in quel caso però, sortimmo l’effetto sperato». E anche l’ultima speranza di vedere realizzato il ristorante senza l’ascensore esterno (vale a dire servito da uno interno) è destinata a cadere: «No, realizzare un nuovo ascensore interno – spiega ancora l’ingegner Lana – sarebbe troppo invasivo e costoso, l’opera aveva un senso soltanto se unita a questo “elevator” che correva discreto sullo spigolo della Torre». E aggiunge: «Il 2015 era l’anno giusto per inaugurarlo, con tutti gli eventi che ci saranno, compresa l’Ostensione (della Santa Sindone – ndIMC). Pazienza, noi ci abbiamo provato».

Autore: Emanuela Minucci – La Stampa Torino

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.