Opinione della Settimana

Piace al mercato l’asse Mps-Axa

Dalla Fondazione mano tesa al colosso francese per ampliare il nocciolo duro. Il gruppo assicurativo non commenta le parole di Clarich, ma secondo gli analisti la mossa sarebbe credibile sotto il profilo strategico e industriale. E stringerebbe i legami con la finanza d’Oltralpe

Banca MPS - Particolare facciata sede Siena ImcAxa ha risposto con un no comment alla proposta di alleanza arrivata venerdì 22 dal neo presidente della Fondazione Mps, Marcello Clarich. La proverbiale riservatezza del colosso assicurativo francese non ha comunque spento le speculazioni del mercato, che ieri ha sostenuto con pesanti acquisti il titolo Mps (+5,77% a 1,15 euro). 

Segno che l’ipotesi di un ulteriore rafforzamento del patto di sindacato che oggi vincola l’Ente senese, Fintech Advisory e Btg Pactual appare agli investitori come una garanzia di stabilità. Axa, del resto, con il suo 2,05% è l’ultimo socio stabile rimasto nella variegata compagine societaria di Mps dopo la diluizione di Unicoop Firenze, di Jp Morgan e della famiglia Aleotti. L’alleanza tra Parigi e Siena venne siglata nel 2007 quando Axa acquisì una quota di minoranza intorno al 2% per cementare la joint venture assicurativa con Mps VitaMps Danni. La partnership industriale non è mai venuta meno nonostante le turbolente traversie della banca senese. Dal 2009 Axa ha anche una presenza fissa nel consiglio di amministrazione di Rocca Salimbeni dove attualmente siede Béatrice Bernard (nominata nel settembre scorso al posto di Frédéric de Courtois d’Arcollière, diventato ad di Axa Assicurazioni). Oggi l’ingresso del gruppo francese nel patto di sindacato sarebbe insomma una mossa del tutto credibile sotto il profilo strategico e industriale. 

Tanto più che rinsalderebbe ulteriormente i legami tra Siena e la finanza transalpina. Legami che sono sempre stati forti se si pensa che la sussidiaria Monte Paschi Banque France fu nel 1990 la prima banca italiana in Francia e che al suo vertice sono andate figure di prestigio come l’ex sindaco di Siena Pierluigi Piccini. C’è infine da scommettere che un ulteriore avvicinamento tra Siena e Parigi riaccenderà i rumor su operazioni straordinarie del Monte in territorio francese. Rumor sempre smentiti con forza ma, come accade sovente, duri a morire.

Autore: Luca Gualtieri – Milano Finanza (Estratto articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.