News

Osservatorio Sanità UniSalute: Relax e salute, cresce il numero di italiani che scelgono le terme

Terme Imc

Negli ultimi anni il 29% degli italiani è stato almeno una volta alle terme. Non solo per relax: 4 italiani su 10 le scelgono per i benefici sulla salute

Secondo quanto rileva la nuova ricerca* dell’Osservatorio Sanità di UniSalute, compagnia del Gruppo Unipol specializzata in assistenza sanitaria, agli italiani piacciono le terme. Indagando infatti il rapporto tra italiani e strutture termali, negli ultimi tre anni quasi un italiano su tre (29%) vi si è recato almeno una volta. A gradire questa destinazione sono soprattutto gli abitanti del Centro Italia (36%), mentre la percentuale più bassa si registra al Sud (21%). I dati raccolti dall’Osservatorio sembrano confermare il trend rilevato da Unioncamere nel rapporto “Impresa Turismo 2013”: nel 2012 la quota di italiani che hanno scelto destinazioni termali è salita al 6%, dal 5% del 2010-2011.

Ma cosa spinge gli italiani a prendere in considerazione le terme? Osservando i risultati dell’indagine, se per il 52% sono il luogo ideale per rilassarsi e ritemprare corpo e spirito, ben 4 italiani su 10 vi si recano o vi si recherebbero per i benefici alla propria salute: sono davvero molte le patologie croniche o infiammatorie infatti che possono essere lenite, curate o prevenute dalle acque termali.

Il 42% degli intervistati da UniSalute ha dichiarato di essersi informato per proprio conto su quale struttura scegliere, mentre il 31% si è basato sul passaparola di parenti e amici. Il 22% ha chiesto informazioni al proprio medico mentre l’8% ha cercato un’offerta sul web. Chi non è andato alle terme invece, si è visto costretto a dire di no principalmente per motivi economici: il 33% ha infatti rinunciato per via dei costi, forse anche a causa delle crisi che costringe molti italiani a tagliare molte spese, tra cui anche quelle per la salute.

Secondo i curatori della ricerca, inoltre, questa crescente richiesta di benessere “potrebbe essere intercettata da operatori capaci non solo di organizzare la domanda, ma anche di offrire consulenza nella scelta della struttura più adatta e soluzioni su misura per tutte le esigenze”.

Intermedia Channel

*Indagine CAWI condotta dall’istituto di ricerca Nextplora nel 2014 su di un campione rappresentativo della popolazione italiana per quote d’età (over 30), sesso ed area geografica

Articoli correlati
News

Wide Group amplia l’offerta del ramo Fine Art

Grazie alla nuova partnership su Roma con l’intermediario Massimo Maggio, i broker…
Leggi di più
News

Assimoco: approvato il bilancio di esercizio 2021

La Raccolta totale è risultata pari a 929 milioni di euro e le attività finanziarie ammontano a…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Sono arrivati gli incentivi, ora mancano le auto

In vigore le misure previste dal governo per il 2022 ma rischiano di allungarsi ancora i tempi delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.