News

Towers Watson: gli asset dei maggiori fondi pensione hanno raggiunto i 15 mila miliardi di dollari

Investimenti (2) Imc

Secondo l’indagine annuale Pensions & Investments di Towers Watson, il totale degli asset dei 300 più grandi fondi pensione a livello mondiale nel 2013 è cresciuto del 6% (rispetto a circa il 10% nel 2012) per raggiungere un nuovo massimo di circa 15.000 miliardi di dollari (circa 14.000 miliardi nel 2012). L’indagine, condotta in collaborazione con il magazine americano Pensions & Investments, mostra che a livello regionale i Fondi di Sud America e Africa, cresciuti di oltre il 16% negli ultimi 5 anni (partendo però da una base bassa), hanno avuto il più alto tasso di crescita rispetto a Europa (12%), Nord America (circa il 6%) e Asia-Pacifico (intorno al 5%). L’indagine mostra anche che i più grandi 300 fondi pensione al mondo attualmente rappresentano circa il 47% del patrimonio previdenziale globale*.

Secondo l’indagine, i fondi a prestazione definita (DB) rappresentano il 67% del totale dei patrimoni in gestione, rispetto al 75% di cinque anni fa. Durante il 2013, gli asset dei DB sono cresciuti di circa il 3%, a un livello decisamente diverso rispetto ai fondi di riserva** (15%), ai piani a contribuzione definita (DC) (oltre il 9%) e agli ibridi (oltre 8%).

Alessandra Pasquoni, Responsabile per l’Italia dell’Investment Consulting di Towers Watson commenta: “Il Quantitative Easing (QE) ha dato una spinta a favore dei mercati azionari negli ultimi 5 anni che, supportata da politiche monetarie favorevoli, è continuata nel 2013. Questo ha chiaramente aiutato i Fondi data la loro persistente ed elevata esposizione ai titoli azionari. Nonostante le alte prestazioni dell’equity, numerosi fondi pensione, in particolare quelli più maturi, hanno continuato a diversificare in altre classi di attività per ridurre i rischi dei loro portafogli. Inoltre è riconosciuto che il QE e i bassi tassi di interesse non dureranno per sempre e che la recente ed eccezionale crescita dei mercati azionari difficilmente si ripeterà nel 2014 o 2015”.

Secondo la ricerca, gli Stati Uniti restano il Paese con la maggiore quota di attività gestite da fondi pensione, pari al 36%. Il Giappone ha la seconda più grande quota di mercato pari a circa il 13%, in gran parte grazie al Government Pension Investment Fund (GPIF). Tale Fondo, sempre in cima alla classifica (una posizione che ha tenuto per gli ultimi dieci anni), ha un patrimonio di circa 1.200 miliardi di dollari.

L’Olanda, con il 7%, detiene la terza più grande quota di mercato, mentre Norvegia e Canada sono rispettivamente quarta e quinta con oltre il 6% ciascuno. L’indagine mostra che nel corso degli ultimi cinque anni 38 nuovi fondi pensione sono entrati nel ranking e, su base netta, i paesi che hanno contribuito con più nuovi Fondi sono stati Australia (tre fondi), Corea del Sud, Russia, Polonia, Colombia e Canada (con due fondi). Nello stesso periodo, gli Stati Uniti hanno ridotto di 12 unità la loro presenza nella classifica, rimanendo comunque, grazie a 126 fondi, il paese con il numero più alto di fondi pensione. A seguire il Regno Unito con 26 fondi, Canada (19), Australia (16), Giappone (14) e Paesi Bassi (13).

“Nonostante vi siano ancora numerose questioni strutturali, la continua crescita della maggior parte dei mercati pensionistici è davvero incoraggiante. Nel corso del 2013 – prosegue Pasquoni – abbiamo ritenuto che un certo numero di sviluppi positivi presagisse la fine della crisi finanziaria globale e, come è poi emerso, la ripresa economica mondiale ha continuato a guadagnare slancio nel 2014. È interessante notare che i 13 principali mercati pensionistici rispetto a 10 anni fa hanno raddoppiato le dimensioni e gli asset dei Fondi pensione che attualmente rappresentano circa il 78% del PIL mondiale, cifra nettamente superiore al 61% registrato nel 2008”.

Da un punto di vista del tasso di crescita, la ricerca mostra che un fondo norvegese ed alcuni fondi cinesi, a fine 2013, hanno avuto la più alta crescita in cinque anni, pari al 20% in termini di dollari. Nello stesso periodo i primi fondi di Corea del Sud, Cile e Australia, sono cresciuti rispettivamente del 19%, 17% e 15%, sempre in termini di dollari. I fondi giapponesi hanno registrato in cinque anni il tasso di crescita più basso, pari all’1% in termini di dollari.

I Fondi sovrani*** continuano ad essere ben presenti in classifica; 27 di essi, con un valore di circa 4.200 miliardi di dollari, rappresentano il 28% dei patrimoni. I 113 Fondi del settore pubblico inclusi nella ricerca nel 2013 avevano un valore pari a 5.800 miliardi dollari, rappresentando il 39% del totale. Fondi industriali di natura privata (61) e Fondi aziendali (99) rappresentano rispettivamente il 14% e il 19% del patrimonio gestito considerato.

“Gli investitori si sono preoccupati dalla gestione del rischio per diversi anni ma ora cercano anche il rendimento. La competizione diventerà più acuta ed una situazione economica globale con tasso di crescita anemico e favorevoli condizioni inflazionistiche renderà sempre più netta la distinzione tra vincitori e perdenti. La maggior parte dei fondi pensione – conclude la Responsabile per l’Italia dell’Investment Consulting di Towers Watson – probabilmente non riuscirà a raggiungere il tasso di rendimento che avevano programmato e ci sarà una pressione crescente nel cercare di conseguire quel 2% di rendimento extra che può solo provenire dalle aree del mercato ad alto valore aggiunto. Gli investitori dovranno essere ben organizzati e una buona governance potrà fare la differenza”.

Intermedia Channel


*Stima basata sul P & I / Towers Watson global 300 rankinge Towers Watson Global Pension Asset Study.

**I Fondi riserva sono costituiti da un governo nazionale per garantire i pagamenti delle pensioni, non hanno espliciti oneri e dunque non sono né DB né DC.

***Come stabilito dalle autorità nazionali per la copertura degli oneri pensionistici. Ci sono molti altri fondi stabiliti finanziati dallo stato ma abbiamo cercato di considerare i fondi finanziati da autorità nazionali.

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: pagati risarcimenti per £1,5 miliardi per interruzione dell’attività in seguito a covid-19

La stima viene dalla Fca che ha analizzato gli effetti della sentenza emessa nel 2021 dalla Corte…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Pet insurance: il mercato previsto in forte crescita nei prossimi anni

La dimensione globale crescerà dagli attuali $8,1 a $32 miliardi entro il 2030 ad un tasso di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: warning Eiopa su polizze CPI

I risarcimenti sono inferiori al 30% dei premi lordi pagati dai consumatori L’Eiopa ha…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.