News

Studio ANIA-Cerved “Coperture assicurative e probabilità di default delle PMI”

Assicurazioni - PMI (2)

In alcuni recenti studi sulle Piccole e Medie Imprese si è osservata una correlazione positiva tra la presenza di coperture assicurative e una maggiore facilità di accesso al credito a migliori condizioni. In questa prospettiva di ricerca Cerved e ANIA hanno intrapreso uno studio per valutare se le informazioni relative alla presenza e alla configurazione delle garanzie assicurative delle PMI possano essere rilevanti ai fini della valutazione del merito creditizio delle imprese. In altre parole ci si è chiesti se la conoscenza della configurazione della copertura assicurativa di una PMI aggiunga valore rispetto ai tradizionali parametri e informazioni utilizzate ai fini predittivi della probabilità di default dalle società di informazione creditizia

A prescindere dai vari fattori che influenzano il merito creditizio di una PMI, diversi studi* hanno osservato che le imprese più assicurate, in termini di numero di garanzie attivate, hanno un migliore accesso al credito, sia dal punto di vista del costo e delle condizioni del finanziamento, sia da quello del numero di istituti disposti a concederlo.

Questa evidenza ha spinto l’ANIA, come primo passo, a costruire un indicatore quantitativo del grado di copertura assicurativa delle PMI, differenziato per settore di attività e altre caratteristiche, che sintetizzasse la capacità delle possibili configurazioni assicurative di coprire l’universo dei rischi assicurabili dalla particolare impresa. Per l’associazione delle imprese assicurativa “è evidente, infatti, che il semplice numero di garanzie assicurative attivate risulta essere un’informazione che non tiene adeguatamente conto del contenuto e della qualità delle garanzie stesse”.

Lo studio Coperture assicurative e probabilità di default delle PMI, realizzato assieme a Cerved, ha messo in luce l’esistenza di una relazione statistica, non strettamente lineare, tra l’estensione delle coperture assicurative ed il rischio di credito stimato sulla base del modello interno proprio di Cerved e osservato sulla base dei tassi di insolvenza breve termine (a 12 mesi).

“La significatività del fenomeno – segnala ANIA – appare peraltro variabile tra i comparti, più forte nei settori più ‘pesanti’ dell’edilizia e manifatturiero e più sfumata nel commercio, trasporti e servizi”.

“Ricorrendo ad un modello di regressione multivariata – si legge nella nota di presentazione dello studio – abbiamo verificato la combinazione dei segnali che maggiormente è in grado di qualificare il profilo delle PMI con coperture assicurative ‘influenti’ e ‘neutre’ dal punto di vista del rischio di insolvenza a breve. L’esperimento ha mostrato la rilevanza dei segnali comportamentali connessi alle coperture assicurative che potrebbero contribuire a migliorare la predittività dei modelli di previsione del rischio di credito”.

In particolare, sottolinea l’associazione delle imprese assicurative, “si è dimostrato che delle particolari configurazioni di alcune variabili assicurative (il mancato rinnovo, la presenza/assenza ed il numero delle garanzie presenti) potrebbero essere adottate come parametri per affinare l’accuratezza dei modelli predittivi. I segnali comportamentali negativi (mancato rinnovo) rappresentano situazioni rare, ma che quando si verificano sono estremamente predittive”. In aggiunta è stato inoltre possibile “costruire delle particolari configurazioni di diverse variabili assicurative fortemente significative”. La correlazione con l’attuale ponderazione dell’indicatore del grado di copertura assicurativa (GCA) “è apparsa meno evidente”.

Le evidenze dello studio, ad avviso dell’ANIA, potrebbero essere affinate in un passo successivo “ampliando le osservazioni statistiche su di un profilo temporale più ampio, per poter incorporare nei risultati relazioni maggiormente strutturali”, esaminando, da un lato, la propensione alla copertura assicurativa su più periodi e, dall’altro, verificando la sopravvivenza dell’impresa in una prospettiva di più lungo termine (non solo a distanza di 1 anno).

L’associazione constata inoltre come gli esiti dell’analisi statistica oggetto del presente documento non possono essere considerati definitivi, auspicandosi però “che possano contribuire ad un dibattito che coinvolga in primo luogo il mondo bancario sulla valorizzazione della presenza di coperture assicurative nel processo valutativo del merito creditizio”.

Lo studio è diviso in quattro capitoli e in una doppia sezione di appendice: Nel capitolo 1, Analisi descrittive e rischiosità media delle PMI assicurate, viene esaminato il campione statistico delle imprese costruito con l’ausilio delle compagnie, evidenziandone le peculiarità in termini di composizione geo-settoriale e di rischiosità rispetto al resto delle PMI. Nel capitolo 2, I risultati dell’indagine statistica in merito alla relazione tra solvibilità e coperture assicurative, sono riportate le evidenze statistiche in merito alla relazione tra l’indicatore di sintesi del grado di copertura assicurativa (GCA) e il tasso di insolvenza creditizia a breve termine. Nel terzo capitolo, Il modello di valutazione del merito di credito di Cerved, è riportata una descrizione dettagliata del modello di credit scoring adottato da Cerved e di come esso classifica il merito di credito delle PMI assicurate. Nell quarto e ultimo capitolo, Il contributo dell’informazione sul comportamento assicurativo nella previsione del merito di credito: un’analisi esplorativa, viene testato statisticamente la correlazione multivariata tra profilo assicurativo e tasso di insolvenza, selezionando i segnali che possono contribuire ad aumentare l’accuratezza dei modelli di credit scoring.

Come detto precedentemente, lo studio si conclude con una doppia sezione di appendice: La descrizione di calcolo dell’indicatore GCA – “grado di copertura assicurativa delle PMI” – ed infine la descrizione del passaggio dal campione rilevato da ANIA a quello conclusivo (oggetto dell’analisi statistica), tramite l’eliminazione dei record non utilizzabili nella fase di aggregazione con i dati sul merito creditizio di Cerved.

Studio ANIA-Cerved “Coperture assicurative e probabilità di default delle PMI

Intermedia Channel


*Tra questi, L. Guiso e F. Schivardi “Copertura assicurativa e accesso al credito bancario: evidenza da un campione di piccole e medie imprese italiane

Articoli correlati
EsteroNews

Australia: assicurazioni sanitarie restituiscono ai clienti circa AUS $ 2,1 miliardi

Distribuita gran parte del surplus generato per la diminuzione dei sinistri da covid-19 Gli…
Leggi di più
EsteroNews

Gb: sistema sanitario nazionale a corto di personale e sotto pressione

Oltre 13mila pazienti anziani rimangono in ospedale anche se non ne hanno bisogno perché non ci…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Catastrofi naturali: nel 2022 danni per $260 miliardi

Pubblicati i dati preliminari di Sigma-Swiss Re Le perdite subite dagli assicuratori sono…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.