News

Bilancio semestrale più che positivo per il Gruppo ITAS

ITAS - Nuova sede Imc

Raccolta premi complessiva in deciso aumento, sia nei rami vita che nei rami danni. L’utile consolidato ante imposte sale a 20,6 milioni di Euro (da 12,2 milioni della semestrale 2013). Indicazioni molto soddisfacenti anche dagli indicatori tecnici. Il Gruppo ha inoltre costituito ITAS Patrimonio, società creata per valorizzare il patrimonio immobiliare societario

Il CdA della Mutua Capogruppo ha concluso gli incontri per l’approvazione dei dati semestrali delle Compagnie del Gruppo ITAS Assicurazioni, evidenziando trend di crescita per tutte le Compagnie. Aumentano i soci assicurati, crescono i premi e migliora la redditività. L’andamento positivo è confermato anche dell’agenzia Fitch che con il suo giudizio BBB “sottolinea l’eccellente solidità del Gruppo”.

In un mercato che registra forti contrazioni e un -3,2% nella raccolta premi rami danni, ITAS “si distingue per il brillante incremento” del 13,7% nei rami non auto, mentre tiene, sostanzialmente, il ramo auto con +1,4%, rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. ITAS ha registrato nel primo semestre 2014 solidi incrementi, indicatori tecnici positivi e “i migliori saldi di bilancio mai conseguiti dalle compagnie del Gruppo”, con un utile consolidato ante imposte pari a 20,6 milioni di euro.

“I risultati di questo primo semestre – commenta Giovanni Di Benedetto, presidente del Gruppo – sono eccellenti e attestano la capacità di ITAS di rispondere alle numerose e insidiose sfide che le compagnie di assicurazioni devono affrontare. Nonostante le particolari condizioni del mercato, siamo riusciti a crescere e consolidare il nostro posizionamento sul territorio nazionale, incrementando la nostra rete, che oggi conta oltre 440 agenzie e subagenzie in Italia, e rafforzando ulteriormente la vicinanza ai 660 mila soci e assicurati. I nostri bilanci sono in salute, i saldi economici positivi oltre le attese, la solvibilità confermata nella sua eccellenza. Ne è convinta anche la società di rating Fitch che ci assegna un positivo giudizio BBB con outlook “stabile”, in un quadro macroeconomico generale indiscutibilmente difficile”.

Gli elementi di rilievo nel bilancio semestrale della Mutua Capogruppo, sono spiegati dal direttore generale ITAS, Ermanno Grassi: “Il saldo tecnico del conto economico rivela risultati particolarmente brillanti. Si nota, infatti, un evidente ulteriore incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso esercizio: oltre 10,3 milioni di euro rispetto ai 3,8 del 2013. Il brillante dinamismo commerciale avviato negli esercizi precedenti e il trend di crescita quasi sorprendente rispetto al mercato confermano che il nostro sforzo nel ricercare l’efficienza organizzativa e il contenimento delle spese di amministrazione anche attraverso l’innovazione e importanti processi di automazione sono scelte coerenti e vincenti”.

Migliorano anche le performance di tutti i principali indicatori tecnici:

  • Combined ratio a 95,3% (era 97,8% nel 2013)
  • Expense ratio, cioè l’incidenza delle spese di gestione, in calo a 27,1 (era 27,9)
  • Claim ratio, rapporto tra sinistri e premi, in discesa a 68,2 (era 69,9)

“Il ramo vita – prosegue Grassi – è davvero in effervescenza e fa segnare un +74,5% nella raccolta premi, più del doppio rispetto al dato di mercato del 30,2%. Questo risultato è frutto di una politica commerciale dei prodotti consapevole, responsabile e capace di proporre soluzioni assicurative, previdenziali e di risparmio mai speculative e sempre in ottica di servizio alla persona. Guardando al mercato, i nostri assicurati hanno beneficiato di rendimenti eccellenti (Foriv e Forever sono pari rispettivamente al 4,16% e 4,11%) e di un’offerta tra le più qualificate ed innovative”.

Il Gruppo sottolinea anche la costante la crescita degli aderenti al Fondo pensione aperto PensPlan Plurifonds di ITAS Vita, “che, in ottica di servizio agli aderenti, ha recentemente introdotto importanti novità. Per tutelare i piani previdenziali degli aderenti, soprattutto in un contesto economico incerto come questo, PensPlan Plurifonds ha attivato per il comparto SecurITAS la garanzia di rendimento minimo (1% su base annua). In caso di decesso, pensionamento e invalidità permanente il fondo riconoscerà l’importo maggiore a quello maturato in base all’andamento e quello calcolato con il rendimento minimo garantito”. Oggi il fondo pensione aperto di ITAS Vita conta più di 45.500 iscritti con oltre 1.900 nuove adesioni nel corso del primo semestre di quest’anno. I contributi versati nel primo semestre superano i 245 milioni di euro (+55%), mentre il patrimonio netto ammonta a oltre 412 milioni di euro (+23%).

Crescono anche i premi della compagnia del Gruppo delegata alla bancassicurazione, ITAS Assicurazioni Spa: la compagnia registra, in questo primo semestre, oltre 7.300 nuove polizze e una raccolta premi di 2,6 milioni di euro (+28% rispetto al primo semestre 2013). Molto soddisfacente il dato relativo all’indicatore del rapporto sinistri su premi, pari a 32,2. “Un risultato che per il Gruppo sottolinea anche l’importanza della partnership con Sparkasse e Banca Popolare Cividale.

Il primo semestre 2014 segna risultati importanti anche per la Assicuratrice Valpiave, la società del Gruppo con sede a Belluno: ammonta a 14,5 milioni di euro la raccolta premi, in incremento del +4,4% rispetto al primo semestre 2013. L’utile netto è pari a 1,1 milioni di euro.

Dallo scorso 1° luglio, il Gruppo ha inoltre costituito ITAS Patrimonio, società per azioni del Gruppo creata per valorizzare il patrimonio immobiliare ITAS.

In questo quadro complessivamente positivo gioca un ruolo significativo il potenziamento della rete distributiva agenziale. Delle oltre 440 agenzie e subagenzie, 10 sono quelle aperte da settembre 2013 ad oggi, 8 in questo primo semestre. La forza di ITAS oggi è affidata al lavoro di quasi 3.000 persone. I dipendenti del Gruppo ITAS sono 446, con un incremento di 26 unità rispetto all’inizio del 2014. Gli agenti sono più di 250: insieme a oltre 2.300 tra subagenti, collaboratori e dipendenti di agenzia “garantiscono ai 660mila soci e assicurati di ITAS un servizio assicurativo e previdenziale puntuale, coerente ed efficiente”.

Questo primo semestre ha confermato anche gli investimenti del Gruppo nel campo della formazione: più di 380mila euro sono stati destinati alla formazione del personale interno; oltre 14.500 sono state le ore di formazione erogate per la rete intermediari, per la quale è prevista a breve anche la partenza di un progetto di alta formazione rivolto alla rete intermediari.

“Il 6 ottobre prossimo – anticipa Grassi – ITAS accoglierà un primo selezionato gruppo di persone a cui dedicherà un progetto specifico ed innovativo, della durata di due anni. L’obiettivo è quello di qualificare le competenze delle persone selezionate e offrire loro le migliori opportunità per operare in un mercato reso complesso dalle evoluzioni normative e operative, dall’intervento di nuovi competitors e dall’avvento di nuove tecnologie. Tutto questo, sempre con un’attenzione particolare alla persona ed alle modalità relazionali e comunicazionali che, in una Mutua, sono fondamentali. Le scelte innovative che ITAS ha adottato nelle ultime stagioni, ci consentono di aprire questa accademia formativa con strumenti di ultima generazione, limitando i costi anche grazie a modelli formativi interattivi”.

Articoli correlati
EsteroNews

Intelligenza artificiale: Aon identifica rischi e potenzialità per gli assicuratori

Si prevede che questa forma di sviluppo della tecnologia avrà un impatto su molti ambiti diversi…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: i suggerimenti degli assicuratori per accelerare gli investimenti green

L’obiettivo è quello di favorire un flusso di nuovi investimenti per £100 miliardi Gli…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Iran: nonostante le sanzioni, Il petrolio viene esportato con assicurazione made in usa

Lo ha rilevato un’inchiesta del New York Times secondo cui almeno 27 petroliere del paese…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.